Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, un libro racconta depistaggi e verità nascoste a 25 anni dalla morte

Immagine di copertina
Ilaria Alpi e Miran Hrovatin

Il libro di Luigi Grmaildi e Luciano Scalettari, edito da Round Robin Editrice, ripercorre la vicenda raccontando alcune delle verità fino ad ora taciute

Esattamente 25 anni fa Ilaria Alpi e Miran Hrovatin venivano uccisi a Mogadiscio, in Somalia, da un commando di persone armate. Era il 20 marzo 1994. Da quel giorno è iniziata una lunghissima vicenda caratterizzata da presunti tentativi di depistaggio, incarcerazioni e assoluzioni e richieste d’archiviazione, ma che non ci ha portato a scoprire la verità sulla morte della giornalista del Tg3 e del suo operatore.

A 25 anni dal duplice omicidio, un libro ripercorre la vicenda raccontando alcune delle verità fino ad ora taciute: “Ilaria Alpi e Miran Hrovatin Depistaggi e verità nascoste a 25 anni dalla morte”, a cura di Luigi Grmaildi (Le Iene) e Luciano Scalettari (Famiglia cristiana), edito da Round Robin Editrice, ripercorre la vicenda raccontando alcune delle verità fino ad ora taciute.

“Archivi finalmente aperti e tracce che conducono ai reali testimoni oculari del duplice omicidio. Perché nessuno volle cercarli per davvero?”, si legge nel comunicato di presentazione del libro. “Un castello di carte messo in piedi per costruire un capro espiatorio e incolpare un uomo innocente finito in carcere per 17 anni. Chi ha voluto mettere a tacere la vicenda e cosa sapeva davvero Ilaria? Quale la funzione di una commissione d’inchiesta, tagliata su misura e consulenti messi alla porta o finiti sotto indagine perché non controllabili. Queste le domande a cui cerca di dare una risposta Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Depistaggi e verità nascoste a 25 anni dalla morte“.

“Non solo un duplice omicidio in un paese in guerra come affermato da Carlo Taormina. Quella di Ilari Alpi e Miran Hrovatin è una esecuzione in piena regola. Ma solo adesso si sono trovate le tracce per indicare chi sapeva, chi ha visto, chi ha taciuto e ricondurre tutto a chi ha scelto e commissionato la morte dei due reporter”.

Il libro-inchiesta raccoglie anche i contributi di Marco Birolini, Francesco Cavalli, Massimiliano Giannantoni, Mariangela Gritta Grainer, Alessandro Rocca, Roberto Scardova e Maurizio Torrealta.

Il volume sarà in libreria dal 21 marzo e verrà presentato al pubblico mercoledì 20 marzo a Roma, alla Libreria del Viaggiatore (Via del Pellegrino, 165) alle ore 18.

>> Ilaria Alpi, “nuovi elementi inconsistenti”: i pm chiedono di archiviare l’inchiesta sull’omicidio della giornalista
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: The invisibile
Cultura / Urbino, il Festival del giornalismo culturale dal 7 al 9 ottobre
Cultura / Premio Curcio per le Attività Creative: al via la 17esima edizione
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: The invisibile
Cultura / Urbino, il Festival del giornalismo culturale dal 7 al 9 ottobre
Cultura / Premio Curcio per le Attività Creative: al via la 17esima edizione
Cultura / TPI Fest 2022, la diretta della terza e ultima serata del Festival
Cultura / TPI Fest 2022, la diretta della seconda serata del Festival
Cultura / TPI Fest 2022, la diretta della prima serata del Festival
Cultura / DIG Festival, il meglio del giornalismo da tutto il mondo a Modena dal 22 al 25 settembre
Cultura / TPI Fest 2022 streaming e diretta tv: dove vedere l’evento di Bologna
Cultura / “Una rivoluzione per la sostenibilità”: a Lucca la prima edizione del “Pianeta Terra Festival”
Cultura / TPI Fest 2022 a Bologna, il direttore Gambino a Il Resto del Carlino: “Vogliamo riunire i cittadini per farsi un’idea in vista del voto”