Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Decreto sicurezza, il Comune di Palermo avvia le iscrizioni dei migranti all’anagrafe

Immagine di copertina
Credit: ANSA

Dopo la ribellione del sindaco Leoluca Orlando al decreto Sicurezza, il Comune di Palermo procede subito con le iscrizioni all’anagrafe dei migranti richiedenti asilo.

Il capo area dei servizi al cittadino, Maurizio Pedicone, sottolinea all’agenzia di stampa Agi che “non si può disattendere una precisa disposizione del capo dell’amministrazione” (qui l’intervista del sindaco Orlando a TPI).

Così il dirigente ha accolto l’ordine del primo cittadino che stabilisce di sospendere per gli stranieri coinvolti nell’applicazione del decreto sicurezza “qualunque procedura che possa intaccare i diritti fondamentali con particolare, ma non esclusivo, riferimento alla procedure della residenza anagrafica”.

Dal mattino di venerdì 4 gennaio 2019, dopo il via libera di Pedicone, diventa effettiva l’indicazione del dirigente di provvedere ad attuare “i provvedimenti conseguenziali di competenza in materia di residenza dei cittadini stranieri”.

Per gli uffici comunali questo significa che sono pronti a iscrivere all’anagrafe i richiedenti asilo e i titolari di permessi di soggiorno per motivi umanitari, non più rinnovabili.

Orlando è stato il primo dei sindaci ribelli che si oppongono al decreto sicurezza.

Orlando ha già spiegato di avere dato incarico all’ufficio legale di adire il giudice: va dal magistrato perché non può rivolgersi direttamente alla Corte Costituzionale per violazione dei diritti umani e per violazione di articoli specifici della Costituzione. Occorre sollevare la questione incidentalmente in giudizio.

Come sindaco andrà davanti al giudice civile, il quale, se riterrà che la questione sia non manifestamente infondata e sia rilevante ai fini della decisione, rimetterà gli atti alla Corte Costituzionale. Il prefetto potrebbe, però, nel frattempo annullare gli atti del Comune e denunciare sindaco e dirigente comunale per abuso d’ufficio.

Ti potrebbe interessare
Migranti / Reportage dall'Etiopia: ecco da dove partono i migranti climatici
Migranti / Esclusivo TPI – Diario di un salvataggio sulla rotta migratoria più letale del mondo
Migranti / Migranti, la denuncia dell'Oim: 399 morti e 487 dispersi nel Mediterraneo centrale nel 2024
Ti potrebbe interessare
Migranti / Reportage dall'Etiopia: ecco da dove partono i migranti climatici
Migranti / Esclusivo TPI – Diario di un salvataggio sulla rotta migratoria più letale del mondo
Migranti / Migranti, la denuncia dell'Oim: 399 morti e 487 dispersi nel Mediterraneo centrale nel 2024
Migranti / Migranti, dopo 7 anni si chiude il caso della nave Iuventa: tutti prosciolti
Migranti / Migranti, sbarchi anche a Natale: a Lampedusa approdate quasi 300 persone
Migranti / Migranti, accordo Roma-Tirana: l’Italia gestirà due centri in Albania
Migranti / Catania, la giudice Apostolico non convalida i trattenimenti di altri 4 migranti
Migranti / “Il decreto sulle espulsioni accelerate è illegittimo”: il tribunale di Catania libera quattro migranti del centro di Pozzallo
Migranti / Governo, nuovo decreto anti-migranti: sarà espulso chi mente sull’età
Migranti / Lampedusa, bimbo di 5 mesi muore durante lo sbarco: sotto shock la madre 17enne