Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Migranti

Cara di Castelnuovo di Porto, la cooperativa: “Chiusura improvvisa, non sappiamo il motivo”

Immagine di copertina
Migranti e richiedenti asilo del Cara di Castelnuovo di Porto, Roma, 22 gennaio 2019 ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Gli ospiti del centro saranno trasferiti in altre regioni, incerta la sorte degli oltre 100 lavoratori della cooperativa Auxilium, che gestisce il centro per conto della prefettura

Castelnuovo di Porto | Cara

Nei giorni scorsi la prefettura di Roma ha disposto la chiusura del Cara di Castelnuovo di Porto, su indicazione del ministero dell’Interno.

La notizia dello sgombero del Cara è stata criticata dal sindaco di Castelnuovo, che vedeva la presenza dei richiedenti asilo nel Cara come un’esperienze positiva di integrazione nel territorio. Molti dei richiedenti asilo, infatti, dovranno interrompere i percorsi già avviati di studio e lavoro.

Ma a 48 ore dalla notizia, le ragioni della decisione non sono chiare. TPI.it ne ha parlato con Roberto Rotondo, referente stampa della cooperativa Auxilium, che gestisce il Cara Castelnuovo di Porto.

Siete a conoscenza del motivo della chiusura?

Il motivo non ci è stato comunicato. Ma a noi non era stata comunicata neanche la chiusura. Abbiamo saputo venerdì scorso che 300 persone sarebbero partite. Essendoci 550 ospiti è stato chiaro che avrebbero chiuso il centro. L’indomani la prefettura ha rilasciato una dichiarazione in cui annunciava che il Cara sarebbe stato chiuso.

La giustificazione è che qui la prefettura, per motivi burocratici, non ha mai concluso un contratto con il proprietario dell’immobile, che è l’INAIL. Ma questi sono problemi burocratici interni allo stato.

Non si capisce allora perché questi migranti vengano mandati tutti fuori dalla regione. Potevano essere spostati in qualche altro CAS sul territorio, invece vengono inviati tutti fuori dal Lazio. Questo crea dei problemi.

È stata quindi una cosa del tutto imprevista?

Sì, così imprevista che sia crea il problema dei 110 lavoratori.

Cosa ne sarà ora degli ospiti che non avranno più la protezione umanitaria a causa del “decreto sicurezza”?

Alcune persone si trovano a metà del guado: avevano già ricevuto la protezione umanitaria, che però ora non esiste più, ed erano in attesa di passare in uno Sprar.

Queste persone non possono essere trasferite in un altro Cas, hanno detto loro semplicemente di uscire dal Cara. Se la devono cavare da soli, ma non si capisce come. Qui fa freddo, non è la stagione adatta per stare fuori in città. Per questo si sono attivate delle reti di associazioni, anche la parrocchia, per vedere come fare. Questo è un effetto del decreto. Il problema però è anche un altro.

Quale?

Il problema è che coloro che verranno ora trasferiti in Cas fuori dal Lazio sono persone in attesa di parlare con la commissione territoriale del Lazio, oppure che hanno fatto ricorso contro il rigetto della loro domanda da parte della commissione. Loro dovranno ricominciare da capo, ma voglio vedere come faranno a far trasferire tutti gli atti. Sono questioni molto complicate.

Adesso qual è la situazione?

La parlamentare Rossella Muroni ha bloccato un pullman, che però dopo è partito. I 75 di oggi sono partiti, domani ce ne saranno altrettanti e così via via fino al 26. Poi sarà comunicato anche agli altri 200 che devono partire.

Partiranno entro fine mese, chiuderà tutto.

Leggi anche: Rossella Muroni (Leu): “Ecco perché ho bloccato il pullman con gli ospiti del centro”

Il ministro Salvini ha detto che saranno chiusi altri Cara.

Noi questo non lo sappiamo, ma ci chiediamo come mai abbiano voluto cominciare dall’accoglienza che funziona e non da quella che ha avuto problematiche, infiltrazioni. Ce ne sono stati tanti. Perché abbiano voluto cominciare a chiudere quello di Roma non lo so.

Leggi anche: Il Cara di Castelnuovo di Porto non è l’unico: la lista del Viminale dei centri che dovranno chiudere dopo il decreto sicurezza

Ti potrebbe interessare
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / 40mila migranti respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila morti. L'inchiesta del Guardian
Ti potrebbe interessare
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / 40mila migranti respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila morti. L'inchiesta del Guardian
Migranti / Naufragio al largo della Libia, Mezzaluna Rossa: "50 morti"
Migranti / Migranti: naufragio al largo della Libia, 11 corpi recuperati
Migranti / Senza gli immigrati l’economia italiana crollerebbe: ogni anno producono il 9% del Pil. Il rapporto della fondazione Leone Moressa
Migranti / Barcone con 56 persone a bordo si capovolge a largo della Libia, l’allarme di Unhcr
Migranti / Migranti, nessuna invasione: il rapporto che smentisce le fake news su chi arriva in Italia
Migranti / Ocean Viking, i 182 migranti sbarcheranno a Messina
Migranti / Migranti, sbarcati 108 migranti a Lampedusa. Il sindaco a TPI: "Hotspot strapieno"