Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Migranti

“C’è l’accordo, possiamo sbarcare”: l’annuncio sulla Sea Eye e la gioia dei migranti | VIDEO

Dopo la Sea Watch, anche l’ong Sea Eye ha diffuso il video del momento in cui ai migranti è stata data notizia dell’autorizzazione a sbarcare a Malta, dopo quasi tre settimane in cui la nave è rimasta bloccata nel mar Mediterraneo.

Nel filmato si vede il capo missione annunciare l’imminente sbarco ai 17 migranti africani presenti a bordo. “Ho una notizia molto buona per voi: il governo tedesco e il governo maltese hanno trovato e stanno provando a organizzare il vostro sbarco a Malta”, dice il capo missione in lingua inglese.

I migranti sembrano non capire, o comunque non realizzare fino in fondo che per loro l’incubo sta per finire. Il capo missione, allora, si rivolge a loro in lingua francese: “Avete capito?”, dice. E poi ripete la notizia.

L’annuncio questa volta viene compreso e i migranti reagiscono con larghi sorrisi e applausi (qui invece il video girato a bordo della Sea Watch 3)

Poco prima dell’annuncio dei volontari, Malta aveva dato l’ok per lo sbarco dei 49 migranti presenti sulle navi umanitarie Sea Watch 3 e Sea Eye, che dal 22 dicembre 2018 erano bloccate nel mar Mediterraneo.

I migranti saranno redistribuiti in otto paesi europei, tra cui l’Italia. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha però dichiarato di non essere stato consultato sulla redistribuzione dei migranti e ha anche affermato che non ha intenzione di “autorizzare niente”

> TPI a bordo della nave Sea Watch 3: “Alcuni migranti rifiutano cibo, il teatro della politica italiana non ci interessa”

Prima di oggi nessun Paese aveva formalmente autorizzato l’attracco, Italia compresa. Malta aveva solo concesso alle due navi l’autorizzazione ad entrare nelle sue acque nazionali per ricevere assistenza, senza però permettere lo sbarco dei migranti.

Nei giorni precedenti si era intensificato il dialogo tra i paesi europei per trovare una soluzione alla situazione di stallo che si era creata nel Mediterraneo e l’8 gennaio Malta aveva dichiarato che nelle ore successive ci sarebbe stata una svolta.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Migranti / Francia, respinti 123 migranti fatti sbarcare dalla Ocean Viking dopo il rifiuto dell’Italia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Migranti / Francia, respinti 123 migranti fatti sbarcare dalla Ocean Viking dopo il rifiuto dell’Italia
Migranti / Migranti, Piantedosi: “Navi ong violano le leggi, legittimo considerare il loro passaggio non inoffensivo”
Migranti / Migranti, la Ocean Viking sbarcherà in Francia: “Caso eccezionale, scelta incomprensibile dell’Italia”
Migranti / Neonato di 20 giorni morto a largo di Lampedusa, la madre: “Volevo portarlo in Italia per farlo curare”
Migranti / Migranti, Meloni risponde alla Francia: “Rispettate tutte le regole. Bizzarra la scelta dei medici sugli sbarchi”
Cronaca / Migranti, dalla nave Geo Barents sbarcheranno tutti. Medici senza frontiere: “A bordo urla e pianti di gioia”
Migranti / Migranti, Piantedosi: “Sui diritti umani non accettiamo lezioni da nessuno”
Cronaca / Rapporto Migrantes, sempre più giovani all’estero: “L’Italia ristagna nelle sue fragilità”