Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Migranti

Non è rimasta nessuna ong nel Mediterraneo: si ferma anche la nave Open Arms

Immagine di copertina
Credit: Afp/Getty

La nave spagnola ha annunciato che sposterà la sue operazioni nel tratto di mare fra Spagna e Marocco. La ong: "È colpa della chiusura dei porti e della criminalizzazione di chi lavora per salvare i migranti"

La Proactiva Open Arms, la nave di una delle ultime ong ancora rimaste a soccorrere i migranti al largo delle coste della Libia, ha annunciato che sposterà la sue operazioni nel tratto di mare fra Spagna e Marocco.

La ong spagnola, in un comunicato diffuso ai giornali, ha spiegato che le motivazioni della decisione sono dovute alla chiusura dei porti italiani, “alle campagne di criminalizzazione delle ong e all’avvio di politiche disumane” che hanno provocato “la paralisi di numerose organizzazioni umanitarie di salvataggio, come pure l’aumento del flusso migratorio verso il sud della Spagna”.

Nel 2018 la Spagna ha superato l’Italia, diventando la prima porta di accesso all’Europa per chi rischia la vita in mare. Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), 28mila persone sono arrivate da gennaio, più del totale arrivato via mare e via terra nel 2017.

La Open Arms è tra le imbarcazioni al centro della disputa europea sulla questione migratoria, legata a a doppio filo al rifiuto di Italia e Malta di attracco nei loro porti.

Nell’estate, la nave ha per tre volte dovuto fare sbarcare i migranti salvati al largo della Libia in lontani porti spagnoli, cioè Barcellona, Palma di Maiorca e Algesiras.

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, il fondatore Oscar Camps aveva affermato: “Siamo in balia della speculazione politica, l’Unione europea alimenta i populismi: pagano Erdogan, milioni di euro, pagano la Libia, e i trafficanti siamo noi”.

Da lunedì 27 agosto, è a Marsiglia la nave Aquarius, gestita da SOS Méditerranée e Medici senza frontiere, in scalo di durata indeterminata. Dovrà regolare il suo statuto amministrativo legato alla bandiera di Gibilterra, che ha annunciato la revoca del permesso di usarla citando irregolarità.

L’Aquarius a giugno è stata costretta a viaggiare da Malta fino a Valencia con 630 migranti a bordo per poterli sbarcare.

In quella occasione, il ministro dell’Interno Matteo Salvini aveva detto: “Abbiamo fatto più noi in tre mesi di governo che il Pd in 5 anni. Andiamo avanti, senza paura, non saranno inchieste o minacce a fermarci”.

Ti potrebbe interessare
Migranti / Migranti, dopo 7 anni si chiude il caso della nave Iuventa: tutti prosciolti
Migranti / Migranti, sbarchi anche a Natale: a Lampedusa approdate quasi 300 persone
Migranti / Migranti, accordo Roma-Tirana: l’Italia gestirà due centri in Albania
Ti potrebbe interessare
Migranti / Migranti, dopo 7 anni si chiude il caso della nave Iuventa: tutti prosciolti
Migranti / Migranti, sbarchi anche a Natale: a Lampedusa approdate quasi 300 persone
Migranti / Migranti, accordo Roma-Tirana: l’Italia gestirà due centri in Albania
Migranti / Catania, la giudice Apostolico non convalida i trattenimenti di altri 4 migranti
Migranti / “Il decreto sulle espulsioni accelerate è illegittimo”: il tribunale di Catania libera quattro migranti del centro di Pozzallo
Migranti / Governo, nuovo decreto anti-migranti: sarà espulso chi mente sull’età
Migranti / Lampedusa, bimbo di 5 mesi muore durante lo sbarco: sotto shock la madre 17enne
Migranti / Naufraga barchino a sud di Lampedusa, un morto. Dispersi una donna e un bambino
Migranti / Tragedia a Lampedusa, naufraga barca di migranti: morto bimbo di 4 anni. “La madre ha tentato di salvarlo”
Esteri / Naufragio Pylos, le 19 telefonate che le autorità greche hanno ignorato: “Aiuto, sarà la nostra ultima notte”