Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Migranti

Libia, la Guardia costiera ha intercettato 330 migranti nell’ultima settimana

Immagine di copertina
Credit: ABDULLAH DOMA/AFP/Getty Images

Il portavoce della Marina libica, Ayoub Gassim, ha riferito che nell’ultima settimana, la Guardia costiera libica ha intercettato al largo delle coste del Mediterraneo almeno 330 migranti diretti verso l’Italia. libia guardia costiera migranti

Un gommone che trasportava 84 passeggeri, tra cui sei donne e cinque bambini, è stato fermato lunedì nelle acque al largo della città di al-Maya, a 16 miglia a ovest di Tripoli.

Altre due imbarcazioni che trasportavano in tutto 146 persone, tra cui 26 donne e quattro bambini, sono state fermate sempre lunedì al largo della città di Abu Kammash.

I migranti fermati sono stati trasferiti nei centri di detenzione di Zawiya e Tajoura.

A luglio, l’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) ha fatto sapere che l’aumento del numero di migranti intrappolati in Libia causato dalle politiche europee, mette queste persone in pericolo di essere “vendute” come schiavi.

Degli oltre 650mila migranti rimasti in Libia, non più di 9mila si trovano nei centri di detenzione controllati dalle autorità di Tripoli, un numero che negli ultimi mesi è raddoppiato a causa degli arresti effettuati dalla Guardia costiera del paese nord africano.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a giugno scorso ha imposto sanzioni contro Abd al-Rahman al-Milad, direttore della Guardia costiera di Zawiya, accusato di essere un trafficante di esseri umani e di fermare soltanto i migranti inviati in Europa dalle organizzazioni rivali.

L’Onu ha sanzionato anche altri cinque trafficanti di esseri umani attivi nel paese, tra cui altri 3 cittadini libici e 2 eritrei, accusati di guidare alcune reti criminali e milizie che sfruttano i migranti provenienti dall’Africa sub sahariana, diretti in Europa.

Secondo l’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim), nel 2018 sono arrivati in Europa 67.122 migranti via mare, mentre almeno 1.549 persone risultano morte o disperse nel Mediterraneo.

Al 26 agosto, 19.761 persone sono sbarcate in Italia, mentre almeno 1.170 migranti sono morti nel tentativo di raggiungere le coste italiane. Il numero degli sbarchi si e’ ridotto drasticamente.

Leggi anche: Come funziona il business del traffico di esseri umani in Libia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese