Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

Le foto che mostrano la violenza psicologica inflitta a chi non è etero con frasi apparentemente innocue

Immagine di copertina
"Quello che fate voi non è davvero sesso" - Alice e Fede

“Devi ancora trovare l’uomo giusto”, “Perché non ti piace il sesso? Hai subito un trauma?”, “Ma sei sicuro? Perché non provi con le femmine?”

Sono tutte frasi apparentemente innocue, pronunciate spesso con leggerezza da chi – eterosessuale – si trovi a confrontarsi con qualcuno che invece eterosessuale non è, e voglia quindi togliersi qualche curiosità.

Sono (non sempre, ma spesso) pronunciate spontaneamente, senza malizia, e senza riflettere adeguatamente sull’impatto che simili parole potrebbero avere sull’interlocutore.

Proprio questa spontaneità, però, rivela una concezione dell’identità di genere fortemente legata ad un concetto binario e stereotipato, forte della ferrea distinzione maschio/femmina caratterizzata dall’attribuzione ad ogni genere di specifici caratteri e ruoli.

Il messaggio che si trasmette a chi sfugge alle tradizionali definizioni massificate di “maschio” e “femmina” è molto duro: simili domande, intrise di pregiudizio nei confronti di gay, lesbiche, bisessuali, transessuali e asessuali, rischiano infatti di ferire profondamente l’interlocutore, condannandolo a sentirsi continuamente studiato, analizzato, da capire.

Secondo Alice Ciccola e Mary Di Perna, infatti, la leggerezza non è un alibi. Con Gabos photography hanno lanciato il progetto fotografico #weighyourwords, pesa le tue parole, per sensibilizzare il pubblico sul delicato tema della violenza psicologica che – passando spesso in sordina – colpisce quotidianamente gli appartenenti alla comunità LGBTQIA+.

Scopo del progetto, naturalmente, non è limitare le possibilità di confronto, ma solo spronare tutti ad evitare un’eccessiva leggerezza, che scarichi completamente sull’altro il peso di dovere giustificare la sua mancata corrispondenza al nostro personale schema mentale.

Ecco la presentazione del progetto da parte delle autrici:

La leggerezza non è un alibi.
Violenza psicologica: “Azione volontaria, esercitata da un soggetto su un altro, in modo da determinarlo ad agire contro la sua volontà. Si può manifestare con parole e/o atti che influenzano l’altra persona nella sua percezione di essere amata o trascurata. Questa violenza può sfociare in un trauma psicologico che può includere ansia, depressione cronica e disturbo da stress post-traumatico.” (Wikipedia) Nei casi più gravi si parla anche di suicidio.

Molte volte ci siamo ritrovati ad ascoltare frasi all’apparenza banali e fuori dai canoni dell’insulto o dell’offesa grave, che tuttavia ci hanno feriti o messi fortemente a disagio.

Nei confronti delle persone appartenenti alla comunità LGBTQIA+ questo tipo di violenza è molto comune.

Sottovalutata ma estremamente invasiva, viene utilizzata in modo subdolo, a volte mascherata da finta ingenuità o da amorevole consiglio. Nella maggior parte dei casi i “carnefici” sono proprio le persone più care, come membri della famiglia, amici o colleghi.
Persone che non si reputano omofobe, che magari pensano anche di peccare di eccessiva comprensione e cordialità nel rivolgere domande di carattere intimo o nello sputare sentenze prive di ogni fondamento logico.

“Weigh your words”, “Pesa le tue parole” vuole suscitare maggiore sensibilità e invitare tutti all’uso dell’empatia, che sembra stia scomparendo lentamente in una società in cui incitare all’odio è all’ordine del giorno.
#weighyourwords

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Cronaca / “Siamo sicuri che Messina Denaro sia un assassino?”: bufera su un tweet di Vittorio Feltri
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 27 gennaio 2023
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Cronaca / “Siamo sicuri che Messina Denaro sia un assassino?”: bufera su un tweet di Vittorio Feltri
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 27 gennaio 2023
TV / Un sacchetto di biglie: tutto quello che c’è da sapere sul film su Rai 1
TV / Perché The Voice Senior non va in onda oggi: il motivo
TV / Fosca Innocenti 2: le anticipazioni (trama e cast) della terza puntata
TV / Green Book: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / I Mercenari 2: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Quarto Grado: anticipazioni e ospiti di oggi, 27 gennaio 2023
TV / Propaganda live: anticipazioni e ospiti della puntata di stasera, venerdì 27 dicembre 2022