Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Trump all’Europa: “Prendetevi 800 combattenti dell’Isis o saremo costretti a liberarli”

Immagine di copertina
Donald Trump. Credit: Martin H. Simon

Il presidente degli Stati Uniti ha annunciato che "il Califfato è prossimo a cadere"

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiesto agli alleati europei di farsi carico di oltre 800 combattenti dell’Isis catturati in Siria e di processarli.

Trump chiede “a Gran Bretagna, Francia, Germania e agli altri alleati europei di riprendersi oltre 800 combattenti dell’Isis catturati in Siria e che li processino”.

In un tweet il capo della Casa Bianca ricorda che il “‘Califfato è prossimo a cadere” e che i soldati americani “si apprestano a ritirarsi dalla Siria dopo una vittoria al 100 per cento sul Califfato”.

Nel caso in cui l’Europa non si facesse carico degli ultimi jihadisti “saremo costretti a rimetterli in libertà”, minaccia Trump.

“Gli Stati Uniti non vogliono vedere che questi miliziani Isis entrino in Europa, che è dove prevedibilmente andranno. (Noi americani) facciamo così tanto, e spendiamo così tanto. Ora è arrivato il momento che altri si facciano avanti e facciano quello che sono capaci di fare”, conclude il presidente statunitense.

Il ritiro degli Usa dalla Siria

Il 19 dicembre scorso il presidente degli Stati Uniti aveva annunciato il ritiro dalla Siria delle truppe statunitensi che combattono l’Isis come parte della coalizione che sostiene le milizie curdo-arabe.

Gli Usa hanno ancora 2mila soldati schierati in Siria con il compito di combattere lo Stato islamico e negli anni hanno fornito il loro aiuto alle milizie curde e arabe note come Forze democratiche siriane (o SDF), appoggio che la Turchia non ha mai approvato.

Anche dopo il ritiro dalla Siria, tuttavia, gli Usa manterrebbero una presenza considerevole nella regione: gli Stati Uniti infatti hanno ancora più di 5mila soldati stanziati nel vicino Iraq e da lì Washington potrebbe comunque continuare a lanciare attacchi aerei contro la Siria.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Ti potrebbe interessare
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo