Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La triste storia della bambina barbuta famosa nell’800

Immagine di copertina

La bambina era malata di irsutismo, una patologia sconosciuta a quel tempo che provoca la comparsa di peluria su viso, e che la fece diventare un fenomeno da baraccone

Verso la fine dell’Ottocento i cosiddetti “fenomeni da baraccone” erano un’attrazione molto popolare. Molto spesso però i protagonisti di questa “gogna pubblica” erano persone con problemi fisici seri, segnati a vita dalle irrisioni del pubblico.

Tra queste persone si ricorda la storia di Annie Jones, una delle donne barbute più conosciute al mondo.

Annie Jones nacque a Marion, una città dello Stato della Virginia, negli Stati Uniti, il 14 luglio del 1865. Quando venne alla luce il suo aspetto fisico fece inorridire persino i genitori: la bambina infatti era malata di irsutismo, una patologia sconosciuta a quel tempo che provoca la comparsa di peluria su viso, e che man mano diventa sempre più evidente.

I genitori ben presto decisero di sfruttare il particolare aspetto della bambina e la fecero entrare nel Circo Barnau, che attraversava gli Stati Uniti con spettacoli circensi e fenomeni da baraccone.

Durante la sua carriera, Annie fu chiamata in diversi modi: “bimba Esaù”, “ragazza barbuta” e “signora barbuta”.

All’età di 5 anni aveva già parte del volto coperto da baffi e basette e anche i capelli crebbero in modo incredibile, arrivando a misurare due metri di lunghezza.

Pur avendo maturato nel frattempo doti per la musica, l’attività circense restò la sua principale fonte di sostentamento.

Sposatasi un paio di volte, nonostante il suo aspetto virile non facesse trasparire molta femminilità, ebbe un lungo periodo di fama in qualità di donna barbuta, che seppe sfruttare economicamente fino alla morte avvenuta alla prematura età di 37 anni a causa di una tubercolosi, all’epoca ancora non facilmente diagnosticabile e curabile.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Esteri / Quando Biden diceva: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici sarebbe un errore”
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia