Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Due treni si sono scontrati in Svizzera, almeno 30 feriti

Immagine di copertina

L'incidente è avvenuto nella stazione di Andermatt, un comune del Canton Uri nella Valle di Orsera, nota località sciistica. A bordo del treno erano presenti circa 100 passeggeri

La polizia svizzera ha reso noto che almeno 30 persone sono rimaste ferite in uno scontro tra due treni avvenuto intorno alle ore 11:30 nella stazione di Andermatt, un comune del Canton Uri nella Valle di Orsera noto soprattutto per le sue piste sciistiche.

La strada tra Göschenen e Andermatt è stata chiusa per permettere ai soccorsi di raggiungere il luogo dell’incidente. Secondo quanto riferito dalla compagnia ferroviaria Matterhorn-Gotthard-Bahn, l’incidente è avvenuto durante le fasi di manovra per spostare la locomotiva dalla coda alla testa del treno, composto da cinque carrozze.

A bordo erano presenti circa 100 passeggeri. Il convoglio era in sosta al binario 2 della stazione di Andermatt e sarebbe dovuto partire alle ore 11:28 in direzione di Disentis, un comune del Canton Grigioni. La polizia del Canton Uri ha diffuso un comunicato in cui si rende noto che nessuna delle persone ferite nell’incidente ferroviario è in pericolo di vita.

La polizia cantonale sta svolgendo delle indagini per chiarire le esatte cause dell’incidente e non esclude la possibilità di allestire una linea diretta per contattare telefonicamente i familiari dei passeggeri. È stato contattato il Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) per fornire supporto nella ricerca delle cause dello scontro.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi