Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Respirare l’aria di Nuova Delhi equivale a fumare 45 sigarette al giorno

Immagine di copertina
Credit: Afp

La capitale indiana è in piena emergenza inquinamento. Tra le cause della crisi i roghi illegali nei terreni agricoli, il traffico e le nubi di polvere dei cantieri

Giovedì 9 novembre l’amministrazione di Nuova Delhi ha dichiarato lo stato di emergenza sanitaria nella capitale indiana, dove da tre giorni i livelli di smog continuano a salire di ora in ora.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Come affermato in un articolo pubblicato su Quartz, in alcuni quartieri della capitale indiana l’indice di qualità dell’aria è arrivato a quota 999, l’equivalente di 45 sigarette fumate in un giorno. Considerando il fatto che 999 è la cifra massima che possono registrare i rilevatori, però, si teme che i livelli siano ancora più alti.

Tra le cause della crisi vi sono i roghi illegali nei terreni agricoli fuori città, il traffico eccessivo e le nubi di polvere che si alzano dai cantieri. La situazione è stata ulteriormente aggravata dalla mancanza cronica di pioggia.

Sono sempre di più gli abitanti di Nuova Delhi che accusano un peggioramento delle condizioni di salute: mal di testa, tosse e occhi infiammati i sintomi più diffusi. Per evitare disagi, buona parte della popolazione preferisce restare in luoghi coperti. Le scuole sono rimaste chiuse per questa settimana.

Oltre al blocco all’ingresso di buona parte dei mezzi pesanti già in vigore, il dipartimento dei trasporti di Nuova Delhi potrebbe introdurre altre limitazioni come la circolazione a targhe alterne. I lavori nei cantieri sono stati interrotti e le tariffe dei parcheggi sono aumentate quattro volte per disincentivare l’utilizzo di veicoli privati.

L’opinione pubblica ha criticato duramente le autorità indiane per non aver adottato in tempo misure atte a evitare l’emergenza, considerando anche il fatto che simili problemi si ripetono ogni anno nella enorme metropoli di più di 20 milioni di abitanti.

Harsh Vardhan, ministro federale dell’Ambiente, ha voluto rassicurare la popolazione dicendo che “il governo centrale sta provando a fare tutto il possibile per riportare i livelli di qualità dell’aria alla normalità a Nuova Delhi e nella regione circostante”.

Vivek Nangia, specialista in pneumologia dell’ospedale Fortis della capitale dell’India, ha detto all’agenzia di stampa Reuters che “la città è avvolta da una cappa di smog talmente densa che per farla andare via sarebbe necessaria della pioggia artificiale”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l'obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto