Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La procura svedese fa cadere l’accusa di stupro per Julian Assange

Immagine di copertina

Il fondatore di Wikileaks è ancora costretto a rimanere confinato nell'ambasciata dell'Ecuador nel Regno Unito per evitare l'estradizione degli Stati Uniti

La procura svedese ha deciso di far cadere l’accusa di stupro nei confronti di Julian Assange e ha chiesto la sua liberazione dopo sette anni in cui il fondatore di Wikileaks ha vissuto nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra.

La scelta di Assange di rifugiarsi nella sede diplomatica dell’Ecuador nella capitale britannica è stata per evitare l’estradizione negli Stati Uniti.

Assange ha sempre negato le sue responsabilità e aveva sottolineato la sua innocenza anche nel corso di una conferenza stampa a Londra alla fine del 2016. Il Regno Unito ha comunque precisato che per il momento Assange non può ancora lasciare l’ambasciata. Se lo facesse, sarebbe estradato negli Stati Uniti.

“Sono stato detenuto per sette anni senza un’accusa mentre i mie figli crescevano e il mio nome veniva diffamato. Non perdono né dimentico”, ha scritto nel pomeriggio su Twitter il fondatore di WikiLeaks.

La decisione della giustizia svedese arriva dopo l’uscita dalla prigione di Fort Leavenworth di Chelsea Manning, l’ex militare statunitense condannata a 35 anni di carcere per aver passato documenti segreti del Pentagono a Wikileaks quando svolgeva il suo servizio di analista informatica nell’esercito. All’epoca Chelsea non aveva ancora deciso di cambiare sesso. 

In una conferenza stampa a gennaio, Assange aveva detto di essere pronto a tornare negli Stati Uniti dopo la liberazione di Manning per la quale il presidente Barack Obama ha disposto la grazia nel 2016. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa