Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

Ponzio Pilato sotto processo

Un avvocato keniota ha sporto denuncia all'Aja per dichiarare la crocifissione di Gesù Cristo illegittima

Di Gian Maria Volpicelli
Pubblicato il 1 Ago. 2013 alle 15:55 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:52
0
Immagine di copertina

Dola Indidis, avvocato keniota ed ex portavoce della magistratura nazionale, ha sporto denuncia presso la Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja perché essa dichiari che la crocifissione di Gesù di Nazareth è stata illegittima.

La condanna a morte di quello che il cristianesimo considera il Messia, sostiene Indidis, sarebbe stata pronunciata violando i diritti umani e i principi del giusto processo. A risponderne davanti alla Corte, secondo l’avvocato keniota, dovrebbero essere gli stati successori delle entità – l’Impero romano e la Giudea – che perpetrarono l’ingiustizia: l’Italia, Israele e la Palestina.

La denuncia di Indidis è al momento allo studio della Corte, ma è difficile che venga accettata, anche perché la Corte Internazionale di Giustizia si occupa di dirimere controversie fra gli stati, una fattispecie in cui la crocifissione di Gesù di Nazareth non sembra poter rientrare.

Anche se la richiesta di Indidis fosse ammessa, rimane comunque da capire quali prove e testimoni potrebbero essere esaminati per giungere al verdetto. L’unico documento presentato da Indidis, infatti, è la Bibbia.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.