Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Guinea, scontri e manifestazioni in difesa della Costituzione. Almeno quattro morti

Immagine di copertina

Le proteste sono scoppiate dopo che il governo ha annunciato un progetto di revisione della costituzione che permetterebbe al presidente in carica di ricandidarsi

Guinea, scontri in difesa della Costituzione: quattro morti

Nella capitale della Guinea sono scoppiati scontri tra manifestanti e forze di sicurezza dopo che il governo ha annunciato un progetto di revisione della costituzione che permetterebbe al presidente in carica Alpha Condé di ricandidarsi per un terzo mandato.

Negli scontri di ieri, lunedì 14 ottobre, almeno quattro persone sono rimaste uccise, tra queste un poliziotto. La capitale, Conakry, si è fermata mentre le notizie delle proteste pianificate si diffondevano. Le scuole e i negozi sono rimasti chiusi e le strade per lo più deserte. Le proteste si sono svolte anche nelle città di Labé, Mamou e Kindia. Alcune città all’interno del paese sono ancora paralizzate. Durante gli scontri tra i manifestanti e le forze di sicurezza sarebbero stati sparati proiettili e gas lacrimogeni.

Il presidente Alpha Condé, 81 anni, è stato un membro storico dell’opposizione al regime dittatoriale e il primo presidente eletto democraticamente nel Paese nel 2010. Il suo secondo mandato finirà a ottobre 2020.

Le tensioni sono cominciate a crescere una settimana fa dopo l’annuncio di una manifestazione del Front national pour la defense de la Constitution (FNDC).

Secondo quanto riportato dalla BBC, il gruppo ha denunciato un progetto di revisione della Costituzione annunciato dal governo, che permetterebbe ad Alpha Condé di ripresentarsi alla fine del 2020 per un terzo mandato. La FNDC ha indetto nuove manifestazioni.

Secondo media guineani, il ministro Bourema Conde, ha descritto i manifestanti come “non patriottici”, mentre il capo dello staff delle forze armate li avrebbe definiti “irresponsabili”.

Nel frattempo, gli organizzatori della protesta hanno dichiarato: “Stiamo chiedendo al popolo della Guinea di continuare la lotta fino a nuovo avviso con la stessa determinazione e lo stesso senso di responsabilità”.

Cina, lattine e polveri rosse: come l’estrazione di bauxite sta cambiando la Guinea

Ti potrebbe interessare
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio
Esteri / Biden annuncia lo stop ai brevetti sui vaccini: "Tempi straordinari richiedono misure straordinarie"
Esteri / Facebook conferma il bando di Trump. Il tycoon sfida il social e lancia la sua piattaforma: “La pagheranno”
Esteri / Basta camerieri, ok a scienziati e ingegneri: al via la stretta sull’immigrazione del Regno Unito