Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Croazia cancella il debito ai più poveri

Immagine di copertina

Il governo croato ha convinto società private, comuni e banche a cancellare il debito dei cittadini più bisognosi

A partire dal 2 febbraio alcuni cittadini croati hanno visto i loro debiti spazzati via, grazie a un piano del governo che si propone di aiutare 60mila persone i cui conti bancari sono stati congelati a causa dei debiti.

Poiché la Croazia è un paese relativamente piccolo (con 4,4 milioni di abitanti), il numero di cittadini indebitati è significativo ed è diventato un importante onere economico per il Paese.

Dopo sei anni di recessione, le previsioni di crescita per l’economia della Croazia sono rimaste basse per quest’anno.

Per questo, il governo della Croazia guidato dal primo ministro Zoran Milanovic ha approvato un piano denominato “nuovo inizio” per far ripartire l’economia.

Lo stato non pagherà i debiti dei suoi cittadini: saranno assorbiti da nove grandi banche, dai principali operatori di telecomunicazioni, dai comuni delle quattro più grandi città croate e da diverse aziende di pubblica utilità.

A essere cancellato è solo il debito dei croati nullatenenti che guadagnano meno di 120 euro al mese e hanno contratto debiti fino a un massimo di 4.500 euro ciascuno.

Il programma costerà ai creditori circa 250 milioni di euro, ma il governo croato si aspetta benefici economici a lungo termine, che supereranno l’investimento a breve termine.

Il programma è uno dei primi nel suo genere a livello mondiale. Ma secondo alcuni economisti ha poche possibilità di successo.

“Non sono sicuro che questo sia il modo migliore per aiutare le persone a basso reddito”, ha detto Dean Baker, co-direttore del Centro per la ricerca economica e politica di Washington al Washington Post.

Se i creditori pensano che ciò possa ripetersi, verranno applicati tassi di interesse molto elevati per i mutuatari a basso reddito.”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"