Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cos’ha detto James Comey in Senato durante l’audizione sul Russiagate

Immagine di copertina

L'audizione è durata due ore e ha confermato le accuse dell'ex direttore dell'Fbi al presidente Trump. Interrogato sul Russiagate, Comey si è rifiutato di rispondere

Durante la sua attesa testimonianza davanti alla commissione del Senato degli Stati Uniti d’America che indaga sul Russiagate, James Comey, ex capo dell’Fbi, rimosso dall’incarico dal presidente Donald Trump il 9 maggio del 2017, ha dichiarato che il presidente ha sbagliato a denigrare l’agenzia governativa e la sua leadership.

“La Casa bianca ha semplicemente scelto di diffamare me e l’agenzia dicendo che l’organizzazione era nel caos” ha dichiarato l’ex capo dell’Fbi. “Non c’era alcuna ragione per licenziare il direttore” ha aggiunto.

Comey ha sostenuto che Trump gli avesse ripetutamente confermato che stava facendo un ottimo lavoro, per questo “le spiegazioni del mio licenziamento mi hanno confuso e preoccupato” ha dichiarato all’inizio della sua deposizione.

L’ex capo dell’Fbi ha rivelato la sua convinzione che la Russia abbia interferito con attacchi informatici nelle elezioni presidenziali americane del novembre 2016. “Centinaia, forse migliaia di istituzioni americane sono state prese di mira dagli hacker russi” ha detto Comey.

L’ex direttore ha affermato che l’Fbi è venuta a conoscenza dei cyber attacchi russi alla fine del 2015 e che l’amministrazione Obama cercò di fare di tutto per fermarli.

Per quanto riguarda l’accusa contro il presidente Trump di avergli ordinato di interrompere le indagini sull’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, Comey ha dichiarato di non aver ricevuto un ordine esplicito da Trump ma di aver interpretato le sue parole come una direttiva, nel senso che il presidente “voleva che lasciassi cadere l’inchiesta”.

Comey ha affermato di aver detto al presidente di essere d’accordo sul fatto che Flynn fosse una brava persona ma “non sono d’accordo con quello che mi chiede di fare” ha aggiunto.

Quando la senatrice Collins ha chiesto a Comey se avesse mostrato una copia dei suoi memorandum dell’incontro con il presidente, l’ex capo dell’Fbi ha risposto positivamente.

“Dopo aver visto il tweet del presidente sulle registrazioni, mi sono svegliato nel cuore della notte e ho chiesto a un amico di condividere i contenuti del memo con un giornalista” ha dichiarato Comey. Quell’amico è Daniel Richman, un professore di diritto alla Columbia University.

L’ex direttore dell’Fbi si è anche detto favorevole alla pubblicazione di eventuali registrazioni dei suoi incontri con il presidente Trump.

Interrogato poi sui risultati dell’inchiesta sul Russiagate, Comey si è rifiutato di rispondere e di fare rivelazioni su un’inchiesta ancora in corso durante un’udienza pubblica.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi