Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Non partite da Addis Abeba il 10 marzo”: il messaggio dell’ambasciata Usa che scatena la rete

Immagine di copertina
Credit: Michael TEWELDE / AFP

In rete hanno già iniziato a diffondersi le prime ipotesi complottiste sull’incidente aereo in Etiopia, costato la vita a 157 persone.

“Non partite da Addis Abeba il 10 marzo”: questo il messaggio pubblicato due giorni prima dello schianto dell’aereo dell’Ethiopian Airlines verificatosi il 10 marzo 2019 sei minuti dopo il decollo dall’aeroporto di Addis Abeba e diretto a Nairobi, in Kenya.ambasciata usa etiopia allerta 10 marzo

>>>>Le prime immagini dal luogo del disastro

Il messaggio è stato pubblicato sul sito ufficiale dell’ambasciata americana in Etiopia l’8 marzo, ma non ha nulla a che vedere con l’incidente aereo.

>>>> Chi sono gli italiani a bordo dell’aereo precipitato in Etiopia

L’allerta infatti si riferiva ad una manifestazione in programma per il 10 marzo a Meskel Square, una delle piazze principali di Addis Abeba.

“L’Ambasciata degli Stati Uniti è a conoscenza delle richieste di protesta che si terranno domenica 10 marzo 2019 a Meskel Square. Non è noto se la protesta sia stata o sarà approvata dalle autorità etiopiche. Proteste si sono già tenute in molte parti della regione di Oromia dal 6 marzo e potrebbero verificarsene ulteriori”, si legge nel testo pubblicato online dall’ambasciata e rilanciato sul profilo Twitter.

Il personale diplomatico americano e i turisti erano quindi avvisati del potenziale rischio per la loro sicurezza ed erano invitati a limitare i movimenti intorno ad Addis Abeba e a non arrivare o partire dall’aeroporto internazionale di Bole domenica 10 marzo.

In rete però c’è chi ha legato il messaggio dell’ambasciata americana con l’incidente aereo del 10 marzo.

Leggendo quanto riportato nel testo, è evidente che le tesi formulate non reggono: l’avviso pubblicato l’8 marzo si riferiva unicamente ad eventuali problemi per la sicurezza in città, a causa della manifestazione che sarebbe potuta sfociare in veri e propri scontri.

Inoltre, il messaggio è stato aggiornato il 9 marzo e l’allarme era stato fatto rientrare.

“​I viaggiatori del governo degli Stati Uniti possono arrivare o partire dall’aeroporto internazionale di Bole domenica 10 marzo. Questo aggiorna l’avviso di sicurezza inviato l’8 marzo 2019”, si legge sul profilo Twitter.

ambasciata usa etiopia allerta 10 marzo

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte