Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Web tax, la tassa è per la multinazionale ma a pagare è il consumatore

L’esperto fiscale: “Come per l’accisa sulla benzina, l’onere viene poi riversato sul prezzo al consumo”

L’Italia, insieme ad altri paesi della EU e non solo (India docet) si è posta il problema di tassare localmente gli utili delle “multinazionali del web” nel presupposto che queste evitassero, pur legalmente, di pagare il dovuto.

Infatti, la vecchia regola tutt’ora vigente che stabilisce la ripartizione del reddito tra stato della sede centrale e quello periferico sulla base della presenza fisica dell’impresa viene sostanzialmente travolta dalle nuove imprese che riescono ad operare in tutto il mondo via web con una presenza fisica locale ridotta ai minimi termini.

“Il fatto sostanziale è che la attuale web tax non raggiunge il risultato di tassare di più l’impresa in questione – spiega Giampiero Guarnerio, dottore commercialista e revisore legale di Rödl & Partnerma paradossalmente ne aumenta gli utili potenziali, ed i tassati finiscono per essere soltanto i consumatori finali. Questo perché la web tax è costruita non come imposta sul reddito, che colpisce l’impresa, ma come imposta indiretta sul fatturato, che poi in fin dei conti va a colpire il consumatore.”

Questa possibile anomalia è stata chiarita e comprovata da uno studio apposito commissionato dall’OCSE in cui si evidenzia che l’imposizione indiretta non solo viene normalmente traslata sul consumatore, ma addirittura potrebbe provocare un “mark-up” aggiuntivo, essendo l’imposta indiretta un costo operativo come gli altri.

“Si pensi a quando l’erario aumenta l’imposta sulla benzina – chiarisce Guarnerio di Rödl & Partnerl’effetto non è un maggior costo per le case petrolifere o per i distributori, ma un aumento del prezzo della benzina per il consumatore. Ergo, il soggetto che paga la maggiore imposta è la casa petrolifera, ma il soggetto che viene effettivamente inciso dall’imposta è il consumatore finale.”

“Per questo, è ben possibile che il costo della web tax alla fine sarà sostenuto dai soli consumatori locali – conclude l’esperto – lasciando indenni i colossi del web, che anzi presumibilmente ci margineranno su. Ma questo del resto lo si potrà verificare analizzando i loro bilanci consolidati.”

Ti potrebbe interessare
Economia / L’ultima barzelletta di Amazon: “Siamo alleati delle pmi”. Ecco perché è vero il contrario
Economia / La Pubblica Amministrazione digitale accelera gli investimenti sulle imprese
Economia / Stellantis: gli azionisti brindano, gli operai piangono. Aumentano i ricavi ma anche la cassa integrazione
Ti potrebbe interessare
Economia / L’ultima barzelletta di Amazon: “Siamo alleati delle pmi”. Ecco perché è vero il contrario
Economia / La Pubblica Amministrazione digitale accelera gli investimenti sulle imprese
Economia / Stellantis: gli azionisti brindano, gli operai piangono. Aumentano i ricavi ma anche la cassa integrazione
Economia / Aumento del bonus per l’a.d. di AstraZeneca, gli investitori protestano: “È osceno”
Economia / Amazon vince facile: nel 2020 in Europa 44 miliardi di ricavi e zero tasse pagate
Economia / Stellantis, otto giorni di stop a Melfi: 7mila lavoratori in cassa integrazione
Economia / Landini: “Oggi è il momento di vaccinare e non il momento di licenziare”
Economia / Gli operai Stellantis e la grande crisi dell’auto a Torino: “Draghi, se ci sei batti un colpo”
Economia / Fisco, sospese fino al 30 maggio le cartelle esattoriali
Economia / Stellantis in Italia riceve soldi dallo Stato, in Francia dà 10 milioni a Macron