Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Veneto, in 4 mesi si licenziano in 66mila: si torna a parlare di “grandi dimissioni”

Immagine di copertina

Veneto, in 4 mesi si licenziano in 66mila: si torna a parlare di “grandi dimissioni”

Sono 66mila le persone che si sono licenziate negli ultimi quattro mesi in Veneto, il 50 percento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Un dato che fa di nuovo parlare di “grandi dimissioni”, il fenomeno osservato negli Stati Uniti dopo il periodo più buio della pandemia, che ha visto una crescita senza precedenti delle dimissioni volontarie. Un’esigenza di maggiore flessibilità, tempo libero e condizioni di lavoro migliori, che ha spinto milioni di lavoratori oltreoceano a lasciare il proprio lavoro in cerca di opportunità più rosee. A renderla possibile, la ripresa accelerata dalla crisi del 2020 che ha portato il tasso di disoccupazione ai minimi dagli anni ’60.

Una situazione nettamente diversa da quella che sta attraversando l’Italia, dove il tasso di disoccupazione rilevato a marzo (8.4%) era ai livelli di aprile 2020. Nonostante le differenze, anche in Italia diversi osservatori hanno parlato di “grandi dimissioni”, spesso in riferimento alle nuove esigenze manifestate dai lavoratori dopo due anni di pandemia e ai cambiamenti che hanno prodotto nel mercato al lavoro.

Secondo gli ultimi dati di Veneto Lavoro, tra gennaio e aprile di quest’anno in Veneto si sono dimesse 66.300 persone, come detto il 50 percento in più rispetto ai primi quattro mesi del 2021. Al contempo è stato rilevato un rallentamento nel mercato del lavoro. Ad aprile infatti sono stati 13.700 i posti di lavoro in più, rispetto a 19mila rilevati nello stesso mese del 2019. Fino al mese precedente invece l’andamento dell’occupazione era simile a quello pre-pandemico. In totale sono 208.600 le assunzioni da inizio anno, in crescita del 68 percento rispetto all’anno scorso e quasi quattro volte il livello del 2020.

Secondo Tiziano Barone, direttore dell’ente che fa capo alla regione Veneto, il fenomeno è in parte da attribuire a una “maggiore attenzione alla conciliazione tra tempi di vita e di lavoro, soprattutto nei giovani”.

Ti potrebbe interessare
Economia / Transizione energetica, i legali di Rodl & Partner: “Dal governo misure facilitanti per sviluppare fonti rinnovabili”
Economia / Arriva il bonus auto e moto: da lunedì incentivi fino a 5mila euro
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Ti potrebbe interessare
Economia / Transizione energetica, i legali di Rodl & Partner: “Dal governo misure facilitanti per sviluppare fonti rinnovabili”
Economia / Arriva il bonus auto e moto: da lunedì incentivi fino a 5mila euro
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Economia / Bonus 200 euro, si allarga la platea: andrà anche a disoccupati e percettori del reddito di cittadinanza
Cronaca / Elon Musk sospende “temporaneamente” l’offerta per Twitter
Ambiente / I Green Jobs sono i lavori del futuro
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Economia / Criptovalute e NFT: il punto sulle regolamentazioni di Criptovaluta.it della Alessio Ippolito S.r.l.
Cronaca / Bonus 200 euro anche a disoccupati, colf e percettori del reddito di cittadinanza
Economia / Bonus di 60 euro per i trasporti pubblici: chi potrà ottenerlo, come e quando