Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Stellantis: tagli in Italia, assunzioni in Francia

Immagine di copertina

Cassa integrazione, tagli, delocalizzazioni,un ritardo abissale sull’auto elettrica: è crisi nera nelle fabbriche italiane ex Fca. E mentre il Governo Draghi assiste alla disfatta, in Francia l’azienda assume e finanzia lo Stato. L’inchiesta sul quarto numero del settimanale TPI - The Post Internazionale, in edicola dall’8 ottobre

La Francia? “Resterà una grande nazione dell’auto”. In Italia invece “non si può mantenere lo status quo”. Le dichiarazioni rilasciate negli ultimi mesi da Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellantis, hanno aggravato l’ansia dei lavoratori italiani del gruppo.

In questa doppia fase di passaggio (da un lato l’integrazione Psa-Fca, dall’altro l’elettrificazione) gli addetti di casa nostra temono di rimanere con il cerino in mano.

Stellantis non ha ancora presentato il piano industriale per l’Italia: lo farà a inizio 2022. Intanto negli stabilimenti si produce a singhiozzo.  L’intero settore auto è paralizzato dalla crisi dei microchip, che sono diventati introvabili sul mercato innescando frenate produttive che per alcuni modelli arrivano al 90 per cento. Ma in casa Fca questo è solo una parte del problema. Da Cassino a Pomigliano, in tutti gli stabilimenti sono anni che si fa ricorso alla cassa integrazione, a Torino addirittura dal 2014. Anche negli uffici di Mirafiori – 7mila fra ingegneri, tecnici, amministrativi e quadri – quasi un terzo del personale è in cassa integrazione.

Anche in Francia la crisi dei chip costringe molte fabbriche a fermarsi, ma Oltralpe il contesto di fondo è migliore: lì l’azienda assume e addirittura finanzia le politiche sociali dello Stato…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI, clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Economia / Tutti per uno e ognuno per sé: anche sulle bollette l’Europa va in ordine sparso
Economia / Caro bollette, la proposta di TPI: ecco come lo Stato può intervenire senza aumentare il debito pubblico
Economia / Il presidente di Nomisma Energia: "Il price cap è inutile, l'unica via è il sostegno alle famiglie"
Ti potrebbe interessare
Economia / Tutti per uno e ognuno per sé: anche sulle bollette l’Europa va in ordine sparso
Economia / Caro bollette, la proposta di TPI: ecco come lo Stato può intervenire senza aumentare il debito pubblico
Economia / Il presidente di Nomisma Energia: "Il price cap è inutile, l'unica via è il sostegno alle famiglie"
Economia / Tabarelli a TPI: “La vostra petizione è giusta, contro il caro bollette deve intervenire lo Stato”
Economia / Borsa italiana oggi, 6 ottobre 2022: tutti i dati in tempo reale
Economia / Spread oggi Italia 6 ottobre 2022: differenziale Btp/Bund in tempo reale
Economia / Borsa italiana oggi, 5 ottobre 2022: tutti i dati in tempo reale
Economia / Ora sono 30 i miliardi che Intesa Sanpaolo destina alle famiglie per il caro energia
Economia / L'Aifa apre alla gratuità della pillola anticoncezionale
Economia / Contro il caro bollette i Comuni chiedono un miliardo. Anci: “Dai tram all’illuminazione si rischia di fermare tutto”