Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Spread Italia: Btp/Bund oggi mercoledì 30 ottobre in tempo reale

Immagine di copertina

Spread oggi in tempo reale: 30 ottobre 2019

Qual è il valore dello spread oggi? In questo articolo potete trovare in tempo reale tutti i dati sul differenziale tra Btp italiani e Bund tedeschi. Monitorare costantemente lo spread è molto importante: dai valori di questo indicatore economico dipendono infatti molte scelte di politica economica del nostro paese. Ecco allora i dati.

Spread in tempo reale: la diretta LIVE

Di seguito il dato di oggi, mercoledì 30 ottobre 2019.

Ecco l’andamento in tempo reale dello spread:

ore 17,30 – 135,4

ore 17,00 – 135,5

ore 16,30 – 135,4

ore 16,00 – 136

ore 15,30 – 136,2

ore 15,00 – 135,4

ore 14,30 – 135,3

ore 14,00 – 136

ore 13,30 – 135

ore 13,00 – 135

ore 12,30 – 135

ore 12,00 – 136

ore 11,30 – 135

ore 11,00 – 136

ore 10,30 – 135

ore 10,00 – 135

ore 9,30 – 134

ore 9,00 – 134

Ore 8,30 – Apertura in rialzo

Apertura in leggero rialzo per lo spread che, dopo i primi scambi, segna quota 135 punti. Il rendimento del decennale italiano, invece, torna all’1 per cento.

Cosa è lo Spread: significato

Ma così è il differenziale Btp/Bund? Lo spread è un valore che indica la differenza di rendimento tra titoli di Stato italiani e tedeschi e nello specifico, la forbice tra il rendimento offerto dal Btp (buono del tesoro poliennale emesso dallo Stato italiano) a 10 anni e quello offerto dal suo corrispettivo tedesco, il Bund.

Oggi il differenziale viene preso come riferimento per misurare la stabilità economica di un paese in relazione con gli altri paesi. È anche un indice della fiducia dei mercati nei confronti del Paese.

Spread è dunque anche un termine generico che indica semplicemente la differenza esistente fra due valori e assume significato diverso a seconda del contesto. È dal 2011 che il termine è sotto i riflettori e al centro dell’attenzione pubblica, assumendo nello specifico il significato di differenziale tra i Btp italiani e i Bund tedeschi. All’inizio di quell’anno, il 4 gennaio, era a 173 punti. Dopo un’estate burrascosa e l’avvicendamento a Palazzo Chigi tra Silvio Berlusconi e Mario Monti, a novembre arrivò a quota 528.

Il differenziale Btp/Bund è un indicatore fondamentale per comprendere lo stato di salute dell’economia italiana. Se il differenziale tra Btp e Bund tedeschi è troppo alto, infatti, salgono molto anche gli interessi sul debito pubblico che l’Italia deve pagare ai suoi creditori.

Cosa è il differenziale Btp-Bund

Ti potrebbe interessare
Economia / Aumento del bonus per l’a.d. di AstraZeneca, gli investitori protestano: “È osceno”
Economia / Amazon vince facile: nel 2020 in Europa 44 miliardi di ricavi e zero tasse pagate
Economia / Stellantis, otto giorni di stop a Melfi: 7mila lavoratori in cassa integrazione
Ti potrebbe interessare
Economia / Aumento del bonus per l’a.d. di AstraZeneca, gli investitori protestano: “È osceno”
Economia / Amazon vince facile: nel 2020 in Europa 44 miliardi di ricavi e zero tasse pagate
Economia / Stellantis, otto giorni di stop a Melfi: 7mila lavoratori in cassa integrazione
Economia / Landini: “Oggi è il momento di vaccinare e non il momento di licenziare”
Economia / Gli operai Stellantis e la grande crisi dell’auto a Torino: “Draghi, se ci sei batti un colpo”
Economia / Fisco, sospese fino al 30 maggio le cartelle esattoriali
Economia / Stellantis in Italia riceve soldi dallo Stato, in Francia dà 10 milioni a Macron
Cronaca / Gli influencer chiedono un loro sindacato: “Abbiamo bisogno di tutele”
Economia / Pfizer vuole aumentare da 19,5 a 175 dollari i prezzi dei vaccini quando sarà finita l’emergenza
Economia / Come funziona Quota 102, l’ipotesi del Governo sulle pensioni per frenare l’ira di Salvini