Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Procedura d’infrazione per l’Italia? Ora spunta una manovra bis da 3,5 miliardi

Immagine di copertina

Procedura infrazione Italia | Manovra bis | Manovra correttiva

PROCEDURA INFRAZIONE ITALIA MANOVRA – È in arrivo da Bruxelles una procedura d’infrazione per l’Italia? Il governo M5S-Lega prepara una manovra correttiva, una manovra bis, un intervento da 3,5 miliardi di euro. È quanto racconta oggi il quotidiano La Stampa in un articolo di retroscena, citando un documento scaricabile sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze che smentisce gli annunci di questi giorni.

TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SULLA PROCEDURA DI INFRAZIONE

Venerdì scorso, 31 maggio, il Movimento 5 Stelle e il suo capo politico Luigi Di Maio (dopo le prime anticipazioni sulla lettera del governo di risposta ai richiami della Commissione Ue) hanno smentito categoricamente tagli al welfare, e in particolare alla spesa per reddito di cittadinanza e Quota 100. Ma, spiega La Stampa, per capire i veri impegni dell’esecutivo con l’Europa bisogna leggere un allegato, rigorosamente in inglese, alla risposta inviata dall’Italia.

> Procedura d’infrazione contro l’Italia: attesa la risposta della Commissione

Nel documento, dal titolo ‘Relevant factors influencing public debt developments in Italy’, si legge che “la prosecuzione di un buon andamento delle entrate fiscali e un minor costo derivante dalle nuove politiche del welfare potrebbe creare lo spazio per un miglioramento del deficit, anche su base strutturale. La spesa nel 2019 potrebbe essere inferiore dello 0,2 per cento a quanto previsto dalla Commissione europea a primavera (2,5 per cento)”.

> Tutte le news sul governo

A prima vista, rileva ancora La Stampa, le parole sembrano identiche a quelle riportate nella lettera, in cui il governo garantisce l’accantonamento dei risparmi di quest’anno. Ma va evidenziato il dettaglio “anche su base strutturale”. In quella parola c’è la promessa di un risparmio di qui in poi da 3,5 miliardi l’anno, che è proprio quanto le regole Ue chiedono a chi dovesse essere colpito da una procedura sul debito.

Con l’arrivo di una procedura d’infrazione l’Italia avrebbe tempo fino a luglio per cercare di evitare una messa sotto tutela, uno scenario che il premier Giuseppe Conte e i suoi due vice Di Maio e Matteo Salvini vorrebbero scongiurare, e che culminerebbe con la richiesta da parte dell’Ue di ridurre il debito entro precise scadenze.

Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Economia / Fenomeno Great Resignation: negli USA milioni di persone si stanno volontariamente dimettendo dal proprio lavoro
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Cronaca / Il premio Nobel per l’Economia va a David Card e Joshua Angrist e Guido Imbens