Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

PNRR: Giovani, Impegno e Cultura le tre parole chiavi per gli esperti

Il PNRR, ovvero Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che ormai da mesi siamo abituati a sentire, è un acronimo dietro cui si celano riforme e opere mai riuscite prima e risposte ad una realtà che neppure esisteva un paio d’anni fa, quando l’emergenza da Covid-19 era nemmeno lontanamente immaginabile.

Sintetizzare in poche righe il contenuto delle oltre 260 pagine di cui è composto non è facile, ma una volta analizzata e declinata la sua struttura ci sono tre parole chiave su cui è bene focalizzarsi secondo gli esperti legali in diritto amministrativo:

1.Giovani

“I giovani sono di sicuro la prima parola chiave da tenere in considerazione– commenta Anna Maria Desiderà, avvocato cassazionista diRödl& PartnerIl Piano, infatti, dice che lascerà una preziosa eredità alle generazioni future’ e questo è certamente quello che auspichiamo. Giovani, quindi, non soltanto perché destinatari diretti di misure e riforme volte all’abbattimento delle barrire di genere, territoriali e anagrafiche ma soprattutto perché ispiratori di tutte le scelte che, avendo a cuore il loro interesse, dobbiamo compiere in ogni campo.”

2.Impegno

“Il Pnrr è un’occasione unica – sottolinea l’avvocato Desiderà di Rödl & PartnerIl Governo ha fatto la sua parte creando la macchina organizzativa, spetta a ciascuno di noi, nel rispettivo ambito di competenza, farsi promotore, protagonista o comunque artefice di un cambiamento di qualità, di progetti che ci rendano fieri di essere stati parte della rinascita del Paese. Tutto questo si traduce nella seconda parola chiave, ovvero impegno.”

3.Cultura

La terza parola è cultura – spiega l’esperta di di Rödl & PartnerMi piace pensare che alla coralità di intenti corrisponda un incessante lavoro di gruppo, ove le diverse autorità competenti, i privati, le associazioni di categoria, assieme a destinatari e realizzatori possano arricchirsi reciprocamente in modo che la ‘preziosa eredità’ per le nuove generazioni non stia solo nel singolo progetto realizzato, ma appunto nella nuova cultura sociale che si è formata nel dargli vita.”

Ti potrebbe interessare
Economia / Altro che più libertà: le criptovalute favoriscono la concentrazione del potere nelle mani di pochi (di A. Stille)
Economia / Bonus 200 euro, chi dovrà fare richiesta e chi lo riceverà in automatico
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Ti potrebbe interessare
Economia / Altro che più libertà: le criptovalute favoriscono la concentrazione del potere nelle mani di pochi (di A. Stille)
Economia / Bonus 200 euro, chi dovrà fare richiesta e chi lo riceverà in automatico
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Economia / Bonus condizionatori: ecco chi può averlo e come si ottiene
Economia / Quali sono le tasse per il settore giochi? Una panoramica sulle principali imposte da assolvere
Economia / Transizione energetica, i legali di Rodl & Partner: “Dal governo misure facilitanti per sviluppare fonti rinnovabili”
Economia / Arriva il bonus auto e moto: da lunedì incentivi fino a 5mila euro
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Economia / Veneto, in 4 mesi si licenziano in 66mila: si torna a parlare di “grandi dimissioni”