Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Irpef e contributi: a chi andranno i 400 euro in più all’anno in busta paga

Immagine di copertina

Decontribuzione per le fasce di reddito sotto i 35mila euro: 400 euro in più (all’anno) in busta paga. Il governo sta vagliando una misura che prevede bonus sui contributi, taglio Irpef e novità anche per la no tax area dei pensionati.

Contributi 2022 e Irpef

L’intenzione del governo è quella di stanziare 1,5 miliardi per abbassare l’incidenza sulle buste paga di chi ha un reddito inferiore a 35mila euro. Si tratterebbe di un intervento “una tantum”, quindi non strutturale: valido solo per il 2022. I dettagli sono ancora da definire, ma secondo la simulazione del Sole 24 Ore il risparmio potrebbe essere di 13 euro mensili per chi ha un imponibile di 25mila euro e di 16 euro sui redditi di 35mila euro.

Ai vantaggi fiscali dovuti alla decontribuzione andrebbero aggiunti quelli derivanti dalla rimodulazione delle aliquote Irpef.  Il governo avrebbe in mente un meccanismo di décalage in virtù del quale fino a 30-35mila euro il beneficio fiscale complessivo della riforma si attesta intorno ai 300 e i 400 euro netti all’anno per tutte le fasce di reddito.

Le nuove aliquote Irpef:

  • 23% per i redditi fino a 15mila euro;
  • 25% per i redditi fino a 28mila euro;
  • 35% per i redditi fino a 50mila euro;
  • 43% per i redditi superiori a 50mila euro.

No tax area

La maggioranza intende inoltre portare la no tax area dei pensionati fino a 8.500 euro, garantendo un risparmio sull’assegno previdenziale. La soglia per i lavoratori dipendenti resterebbe invece fissata a 8.174.

Le nuove misure dovrebbero entrare in vigore nei primi mesi del 2022 e i lavoratori dipendenti potranno vedere i primi effetti sulle buste paga a marzo.

Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Economia / Con il Covid aumentata la disuguaglianza: “Raddoppiati i patrimoni dei più ricchi”. La denuncia di Oxfam
Economia / A Bruxelles l’Eurocasta non conosce crisi
Economia / Autostrade, il Governo dà l’ok al riassetto: Benetton e i fondi brindano, gli automobilisti pagano
Economia / Nella Legge di Bilancio 105 milioni di mance e marchette, dalle corse ippiche alle piante aromatiche
Economia / Air Italy, arrivano prime lettere di licenziamento: “Con effetto immediato”
Economia / Elon Musk è il più ricco del mondo, scalzato Jeff Bezos: la classifica Bloomberg
Cronaca / Bollette, in arrivo rincari record: l’elettricità aumenta del 55% e il gas del 41,8%