Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Settimana corta, Intesa Sanpaolo fa da apripista: orario di 36 ore a parità di stipendio

Immagine di copertina

36 ore settimanali, 9 ore per 4 giorni. E' un inedito, si attende risposta delle sigle sindacali

Se ne parla da tempo, soprattutto all’estero, e ora potrebbe diventare realtà in Italia. È un inedito assoluto nel panorama del nostro settore bancario la proposta che Intesa Sanpaolo ha portato al tavolo dell’incontro con le organizzazioni sindacali: diminuire a 36 le ore settimanali di lavoro dei dipendenti che lavorano in ufficio, in una settimana lavorativa di 4 giorni invece di 5, con 9 ore di lavoro giornaliero anziché di 8. Il tutto a parità di stipendio.

La prima banca del Paese (oltre 74mila lavoratori in Italia e 96mila a livello globale) si candida, così, a fare da apripista verso politiche più attente alle produttività dei suoi dipendenti, già adottate in vari Paesi europei. La proposta del gruppo torinese prevede, tra l’altro, di poter variare il giorno libero, previo accordo con il proprio responsabile. Il tema è stato anche al centro delle proposte in materia di lavoro di alcuni partiti alla campagna elettorale appena conclusasi. Soprattutto il Movimento 5Stelle, guidato dall’ex Premier Giuseppe Conte, ha evidenziato i vantaggi della settimana “corta” che, studi alla mano, aiuta i lavoratori che ne beneficiano a essere maggiormente efficienti.

Si attende ora la risposta dei sindacati, impegnati in una trattativa sulla flessibilità più ampia con il gruppo bancario. Nella discussione tra l’istituto guidato da Carlo Messina e le sigle sindacali Fabi, Fisac Cgil, First Cisl, Uilca e Unisin rientrano, infatti, diversi capitoli, tra cui i principali sono l’orario di lavoro e lo smartworking. Più volte nel nostro Paese si è parlato di provare a introdurre la settimana di lavoro di 4 giorni, finora senza successo. Se però a proporla e a fare da apripista è la prima banca d’Italia, allora le cose potrebbero evolversi diversamente.

Dal punto di vista normativo, la trattativa del gruppo Intesa Sanpaolo si muove nei confini del contratto collettivo nazionale di lavoro Abi e, a ben vedere, la nuova articolazione potrebbe portare un vantaggio in termini di minori ore lavorate ai lavoratori interessati, che passerebbero da 37,5 a 36 ore alla settimana. “I tempi cambiano e bisogna essere pronti a realizzare nuovi modi di lavorare”, ha dichiarato il presidente di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro. “Lo abbiamo fatto durante la pandemia alla grande – ricorda Gros-Pietro – voglio ringraziare i nostri collaboratori che sono stati fantastici nel continuare a offrire tutto il servizio ai clienti nonostante le condizioni difficili. Cambiano le condizioni e bisogna prendere in esame come eventualmente cambiare le modalità di lavoro ma sempre con il sindacato. È prematuro parlare di risultati invece è vero che sempre noi lavoriamo con il sindacato”.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / King Kong Work: il tuo alleato per l’abbigliamento da lavoro personalizzato
Economia / Network marketing: cos’è e come si è evoluto, dalla fine dell’Ottocento ai giorni nostri
Economia / Il curioso caso della Balocco: il pandoro affonda Ferragni, l’azienda raddoppia gli utili
Ti potrebbe interessare
Lavoro / King Kong Work: il tuo alleato per l’abbigliamento da lavoro personalizzato
Economia / Network marketing: cos’è e come si è evoluto, dalla fine dell’Ottocento ai giorni nostri
Economia / Il curioso caso della Balocco: il pandoro affonda Ferragni, l’azienda raddoppia gli utili
Economia / “Il problema dell’Italia sono le disuguaglianze”: intervista a Giuseppe Guzzetti, il banchiere del bene comune
Economia / Banca Ifis e SACE siglano un doppio accordo per sostenere l’export italiano e la transizione sostenibile
Economia / Banca Ifis lancia la nuova campagna pubblicitaria “Siamo il credito per la tua azienda”
Economia / Mario Bellomare: Il genio dietro il successo nel trading
Economia / Tesla, gli azionisti approvano un compenso da 45 miliardi di dollari per Elon Musk
Economia / Stellantis, stop alla gigafactory di Termoli: il progetto è sospeso almeno fino a fine anno
Economia / Ferretti, primo varo nel nuovo cantiere di Ravenna