Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Come risparmiare senza sacrifici: 10 trucchi efficaci

Immagine di copertina
Credit: Afp/Klaus Ohlenschläger/dpa

Italiani e risparmio: un rapporto complicato. Stando ai dati pubblicati a metà 2018 da Banca d’Italia, preferiamo mettere nel salvadanaio piuttosto che spendere. È risaputo, infatti, che risparmia di più, spendi di meno è la ricetta per la tranquillità finanziaria. Una regola d’oro che permette di far fronte a eventuali emergenze e tasse a sorpresa, ma anche di accantonare per il futuro o per investimenti in attività redditizie. Perché allora non lo facciamo?

Perché risparmiare è difficile, comporta sacrifici, e perché il caro-vita pesa come un fardello sui redditi medi delle famiglie italiane. Lo conferma anche una recente ricerca condotta da Oval Money e Bocconi, da cui emerge che quasi il 75 per cento degli italiani vorrebbe risparmiare di più ma nella maggior parte dei casi non sa come farlo, o ha troppe spese.

Gli esperti in finanza, economia e risparmio di Money.it hanno condiviso i loro migliori consigli e strategie per risparmiare denaro ogni mese anche se si dispone di un budget limitato.

La guida su come risparmiare e avere più soldi è divisa in 6 categorie: 1) consigli generali sul risparmio 2) spesa 3) banca 4) famiglia 5) salute 6) casa.

Qui di seguito, riassunti in una pratica infografica, i 10 modi migliori (e sempre validi) per mettere da parte i soldi e migliorare la propria vita e le proprie finanze.

 1. Creare un fondo emergenza

Preparare un fondo cassa per le emergenze è il primo tassello per una corretta pianificazione finanziaria. Le famiglie a basso reddito con almeno 1.000€ in un fondo di emergenza sono più sicure finanziariamente rispetto alle famiglie più ricche ma con le “mani bucate”.

2. Tenere d’occhio le spese

Tenendo gli scontrini di tutti gli acquisti e dividendoli per categorie come trasporti, ristorante, cura personale, abbigliamento, ecc… a fine mese sarà chiaro dove sono finiti i soldi e quali spese si possono tagliare.

3. Seguire il metodo del budget in busta

Il sistema delle buste è semplice e consiste in una sfida: bisogna inserire in ogni busta un importo prefissato per ogni spesa prevista. Consapevoli che una volta terminato il budget non si può riempire di nuovo la busta, saremo più parsimoniosi fino al prossimo stipendio.

4. Pensare al futuro

I soldi risparmiati non dovrebbero essere tenuti sotto il materasso, ma conviene metterli e custodirli su un conto di risparmio.

5. Risparmiare automaticamente

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore: chiedere al proprio datore di lavoro di versare un tot dello stipendio trasferendolo in un fondo pensione è un modo efficace per risparmiare senza il minimo sforzo.

6. Fissare obiettivi a breve termine

È inutile puntare a obiettivi di risparmio difficili e a lungo termine se non si parte dal basso. Mettere da parte 20 euro a settimana, ad esempio, è un ottimo inizio.

7. Pensare alla pensione

Anche se per le generazioni di oggi è un traguardo molto lontano o un miraggio, è l’interesse composto che costruisce la ricchezza nel corso degli anni. Per questo ai lavoratori più giovani conviene iniziare a pensare di risparmiare pensando al futuro pensionamento.

8. Usare la regola delle 24 ore

Se si vuole risparmiare bisogna dire no allo shopping compulsivo. Come? Basta pensarci almeno 24 ore prima di comprare articoli belli ma troppo costosi o inutili.

9. Usare il “mi faccio un regalo” come occasione per risparmiare

Ogni tanto concedersi un piccolo vizio fa bene, ma se unendo il costo dei lussi non essenziali al conto di risparmio ci si rende conto di non potersi permettere la somma corrispondente, allora bisognerà aspettare un altro po’ prima di spendere quei soldi.

10. Rapportare costo degli acquisti e ore lavorate

Se pensiamo di acquistare un paio di scarpe da 100 euro ma guadagniamo 10 euro l’ora, chiediamoci: valgono davvero 10 lunghe ore del nostro lavoro?

Ti potrebbe interessare
Economia / Recovery Plan, The Good Lobby: “Servono nuove regole e più coinvolgimento dei cittadini per monitorare l’utilizzo dei fondi”
Economia / L’Antitrust Ue apre un’indagine su Google per abuso di posizione dominante
Economia / Pnrr, l’Osservatorio civico: “Nessuna semplificazione a discapito della trasparenza e della partecipazione”
Ti potrebbe interessare
Economia / Recovery Plan, The Good Lobby: “Servono nuove regole e più coinvolgimento dei cittadini per monitorare l’utilizzo dei fondi”
Economia / L’Antitrust Ue apre un’indagine su Google per abuso di posizione dominante
Economia / Pnrr, l’Osservatorio civico: “Nessuna semplificazione a discapito della trasparenza e della partecipazione”
Economia / Ricavi record per il Re dei vaccini: a Pfizer 26 miliardi di dollari. Tassati solo al 6%
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Economia / Un neo-laureato su 3 rimane disoccupato: penalizzati i giovani del Sud e le donne
Economia / "Caro Draghi, su Ilva e Stellantis non esiste una politica industriale. Sui licenziamenti scendiamo in piazza": intervista a Re David (Fiom)
Economia / La ripresa degli investimenti pubblici in Italia
Economia / Verso un modello di sviluppo “verde” e inclusivo: SACE pubblica il Bilancio di Sostenibilità
Economia / Il cambiamento climatico rischia di essere un boomerang per i Petro-Stati, svalutando i giacimenti