Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

G7, accordo storico per tassare colossi multinazionali come Amazon e Google

Immagine di copertina
Rishi Sunak, cancelliere dello Scacchiere britannico, con Paolo Gentiloni, commissario per l'economia dell'Unione Europea al vertice dei ministri delle Finanze del Gruppo dei Sette a Londra il 5 giugno 2021. Credit: EPA/HOLLIE ADAMS / POOL

G7, accordo storico per tassare colossi multinazionali come Amazon e Google

I paesi del G7 si sono impegnati a imporre un’imposta minima del 15 percento sugli utili di multinazionali come Amazon e Google, per porre fine alla “corsa al ribasso” nella tassazione delle società. Lo ha annunciato il cancelliere dello scacchiere della Gran Bretagna Rishi Sunak, che ha definito  “storico” l’accordo raggiunto dai ministri delle Finanze del gruppo dei sette paesi economicamente più avanzati al mondo.

L’intesa prevede anche un metodo per dividere tra i paesi i proventi dalle imposte sulle aziende più importanti. “Ci impegniamo a raggiungere una soluzione equa sull’assegnazione dei diritti di tassazione, con i paesi di mercato assegnati diritti di tassazione su almeno il 20% dei profitti che superano un margine del 10% per le imprese multinazionali più grandi e che generano più profitti”, afferma il comunicato dei ministri riuniti a Londra, secondo quanto riportato da Reuters. I ministri si sono anche impegnati a fornire “un adeguato coordinamento tra l’applicazione delle nuove norme fiscali internazionali e la rimozione di tutte le imposte sui servizi digitali, e altre misure simili pertinenti, su tutte le società”.

L’intesa rappresenta un passo in avanti verso un accordo globale sulla tassazione delle multinazionali, voluto dall’amministrazione statunitense.

Ieri il ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz aveva detto che l’accordo è necessario per uscire dalla “corsa al ribasso” nella tassazione delle multinazionali, in particolare dopo la crisi dovuta alla pandemia. Anche il ministro francese Bruno le Maire ha invitato paesi come l’Irlanda, che nell’UE ha uno dei regimi fiscali più favorevoli alle multinazionali, ad aderire alla proposta. I due ministri, assieme al ministro delle Finanze italiano Daniele Franco e alla ministra spagnola Nadia Calviño, hanno firmato una lettera inviata ieri al quotidiano britannico The Guardian, descrivendo l’intesa come necessaria per raggiungere un accordo più ampio al vertice dei paesi del G20 che si terrà a luglio a Venezia.

Ti potrebbe interessare
Economia / Ricavi record per il Re dei vaccini: a Pfizer 26 miliardi di dollari. Tassati solo al 6%
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Economia / Un neo-laureato su 3 rimane disoccupato: penalizzati i giovani del Sud e le donne
Ti potrebbe interessare
Economia / Ricavi record per il Re dei vaccini: a Pfizer 26 miliardi di dollari. Tassati solo al 6%
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Economia / Un neo-laureato su 3 rimane disoccupato: penalizzati i giovani del Sud e le donne
Economia / "Caro Draghi, su Ilva e Stellantis non esiste una politica industriale. Sui licenziamenti scendiamo in piazza": intervista a Re David (Fiom)
Economia / La ripresa degli investimenti pubblici in Italia
Economia / Verso un modello di sviluppo “verde” e inclusivo: SACE pubblica il Bilancio di Sostenibilità
Economia / Il cambiamento climatico rischia di essere un boomerang per i Petro-Stati, svalutando i giacimenti
Economia / Altro che riduzione delle emissioni per salvare l’ambiente: Eni aumenterà la produzione di gas
Economia / “Tutte le colpe dei petrolieri”: il libro che indaga sulle responsabilità del disastro climatico
Economia / Stellantis annuncia 4 nuove auto elettriche a Melfi. Ma sugli altri siti italiani tutto tace