Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

Concorso Mibact: pubblicato il calendario delle prove, le informazioni su tutte le date

Sono stati svelati i giorni in cui i candidati dovranno sostenere i test per il concorso per il Ministero per i Beni e le Attività culturali, che mette a disposizione oltre 1000 posti di lavoro

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 19 Dic. 2019 alle 19:58 Aggiornato il 19 Dic. 2019 alle 20:00
94
Immagine di copertina

Concorso Mibact: pubblicato calendario delle prove, le info su tutte le date

L’attesa è finita: oggi, giovedì 19 dicembre, infatti, sono state pubblicate le date delle prove del concorso Mibact, che si terrà a Roma nel 2020.

I candidati, che avevano inviato la propria candidatura entro il 23 novembre scorso, erano in attesa da circa 3 mesi delle date ufficiali in cui sostenere le prove.

Ebbene, le prove preselettive del concorso si terranno a Roma, dall’8 al 20 gennaio 2020, presso la Nuova Fiera di Roma (ingresso Est).

Concorso Mibact: le informazioni per i candidati

Le prove si svolgeranno in simultanea in quattro padiglioni: i numeri 1, 3, 4 e 5 nelle seguenti date: 8-9-10-13-14-15-16-17-20 dicembre.

Il padiglione n. 2 sarà a disposizione dei candidati in attesa di accedere ai varchi d’ingresso.

La ripartizione analitica per padiglione si può consultare al seguente link.

I candidati dovranno presentarsi secondo ordine alfabetico a partire dalla lettera “Q” estratta dalla commissione d’esame.

Come scritto sull’apposito portale, si ricorda a tutti i candidati che ai sensi dell’art. 6 del bando, l’assenza dalla prova preselettiva, qualunque ne sia la causa, comporta l’esclusione dal concorso.

I candidati dovranno presentarsi muniti di:

  • valido documento di riconoscimento
  • penna a sfera di colore nero;
  • ricevuta e modulo di autocertificazione rilasciati al momento della compilazione on line della domanda, dal sistema informatico “Step-One 2019”.

Concorso Mibact, le informazioni sulle prove preselettive

La fase preselettiva consisterà in un test da svolgere in un tempo massimo di sessanta minuti e composto da 60 quesiti a risposta multipla utili a verifica:

  • la capacità logico-deduttiva
  • di ragionamento logico-matematico
  • di carattere critico verbale

Altri 20 quesiti saranno poi volti a verificare il grado di conoscenza degli elementi generali di diritto del patrimonio culturale (Codice dei beni culturali e del paesaggio), del patrimonio culturale
italiano e della normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro. La prova preselettiva potrà essere superata da un numero di candidati pari a cinque volte il numero dei posti messi a concorso.

Per quanto riguarda invece la prova scritta del concorso Mibact, anche questa sarà composta da quesiti a risposta multipla vertenti le seguenti materie:

  • elementi di diritto del patrimonio culturale (Codice dei beni culturali e del paesaggio)
  • nozioni generali sul patrimonio culturale italiano
  • elementi di organizzazione, ordinamento e competenze del Ministero
  • elementi di diritto amministrativo
  • normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
  • disciplina del rapporto di lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione

Nell’ambito della medesima prova, chiarisce sempre il bando, si procederà “all’accertamento della conoscenza della lingua inglese, delle tecnologie informatiche e della comunicazione e del
Codice dell’amministrazione digitale”.

Infine la prova orale, che consisterà in un colloquio interdisciplinare volto ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati sulle materie della prova scritta.

Concorso Mibact: oltre 1000 posti a tempo indeterminato

Il concorso per il Ministero per i Beni e le Attività culturali mette a disposizione 1.052 posti a tempo indeterminato.

In particolare, si tratta di posizioni per personale non dirigenziale da inquadrare nella II Area, posizione economica F2, nel profilo professionale di assistente alla fruizione, accoglienza e vigilanza del Mibact.

I posti saranno ripartiti a livello geografico come segue:

  • 30 in Abruzzo
  • 18 in Basilicata
  • 64 in Calabria
  • 200 in Campania
  • 51 in Emilia Romagna
  • 7 in Friuli Venezia Giulia
  • 198 nel Lazio
  • 48 in Liguria
  • 77 in Lombardia
  • 15 nelle Marche
  • 14 in Molise
  • 57 in Piemonte
  • 36 in Puglia
  • 14 in Sardegna
  • 2 in Sicilia
  • 155 in Toscana
  • 20 in Umbria
  • 46 in Veneto

Come specificato nel bando, inoltre, di questi posti “il trenta per cento è riservato ai volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate congedati senza demerito ovvero durante il periodo di rafferma, ai volontari in servizio permanente, nonché agli ufficiali di complemento in ferma biennale e agli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta, ove in possesso dei requisiti previsti dal bando”.

94
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.