Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Nel silenzio generale Stellantis chiude la fabbrica di Grugliasco

Immagine di copertina
L'amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, e il presidente John Elkann. Credit: Stellantis

Addio a una delle storiche fabbriche torinesi. L'azienda garantisce che non ci saranno licenziamenti, ma i sindacati si spaccano. Dalla rubrica "Sabbiature", sul nuovo numero del nostro settimanale, in edicola dal 17 dicembre

C’era una volta la Torino capitale dell’automobile, la città degli Agnelli e delle tute blu. E c’è oggi, invece, una Torino smarrita, in cerca di identità tra la grande crisi delle quattro ruote e un futuro che però non può essere solo turismo e servizi. L’italiana Fiat è diventata una multinazionale a guida francese, Stellantis. E per alcuni è arrivato il tempo di smobilitare. Sui giornali se n’è parlato poco o nulla, ma venerdì 17 dicembre 2021 passerà alla storia come l’ultimo giorno di vita della storica fabbrica torinese di Grugliasco. Inaugurata nel 1959 come Carrozzeria Bertone,  qui negli anni Sessanta si produceva la versione sportiva della mitica Prinz. E poi fu la volta della Fiat 850 Spider, della Volvo 780 e di molti altri modelli coupé, oltre ad alcune moto della Bmw. Nei primi anni Duemila la Bertone precipitò sull’orlo della bancarotta e lo stabilimento fu comprato dalla Fiat, che ne fece la fabbrica principale del marchio Maserati.

Le cose, però, non sono andate come si sperava: Maserati costa molto e vende poco, troppo poco, sempre meno. Marchionne voleva trasformarlo: da marchio di lusso a marchio premium (per fare concorrenza a Mercedes e Bmw). Ma quel piano ha fatto flop: nel 2014 la fabbrica di Grugliasco produsse 36mila auto, nel 2019 era scesa a 10mila. Finché, adesso, Stellantis ha deciso che si chiude. La buona notizia, in questo triste declino, è che l’azienda ha garantito che nessuno sarà licenziato. Dopo l’ultimo turno del 17 dicembre, i circa mille operai riprenderanno a lavorare il 17 gennaio a Mirafiori, dove sarà trasferita anche la produzione delle Maserati Levante, Quattroporte, Ghibli e (a fine 2022) Granturismo e Gran Cabrio. Anche gli impiegati saranno spostati a Mirafiori. La lastratura resterà invece a Grugliasco fino al 2024. La chiusura della fabbrica ha spaccato i sindacati: Fim-Cisl e Uilm-Uil hanno firmato l’accordo con Stellantis, rassicurati dalla promessa di zero esuberi, mentre la Fiom-Cgil ha detto no. «Senza nuovi investimenti – ha dichiarato il segretario torinese Edi Lazzi – non ci sono prospettive».
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Economia / Con il Covid aumentata la disuguaglianza: “Raddoppiati i patrimoni dei più ricchi”. La denuncia di Oxfam
Economia / A Bruxelles l’Eurocasta non conosce crisi
Economia / Autostrade, il Governo dà l’ok al riassetto: Benetton e i fondi brindano, gli automobilisti pagano
Economia / Nella Legge di Bilancio 105 milioni di mance e marchette, dalle corse ippiche alle piante aromatiche
Economia / Air Italy, arrivano prime lettere di licenziamento: “Con effetto immediato”
Economia / Elon Musk è il più ricco del mondo, scalzato Jeff Bezos: la classifica Bloomberg
Cronaca / Bollette, in arrivo rincari record: l’elettricità aumenta del 55% e il gas del 41,8%