Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Bonus 200 euro: quando arriva e chi lo riceverà

Immagine di copertina

Sono 31 milioni i cittadini che potranno usufruire del bonus 200 euro contro il caro vita. La misura verrà erogata per far fronte all’inflazione e all’aumento dei prezzi degli ultimi mesi, ma non tutti lo riceveranno a luglio, c’è chi dovrà aspettare fino a ottobre. A cambiare è anche la richiesta di erogazione che varia in base alla categoria di appartenenza. Potranno ricevere l’indennità anche i titolati di collaborazione coordinata e continuativa, i percettori del reddito di cittadinanza, i collaboratori domestici, gli stagionali o intermittenti, i lavoratori autonomi occasionali.

CHI RICEVERÀ IL BONUS E QUANDO

I primi a ricevere il bonus saranno lavoratori dipendenti, i pensionati con assegno sociale o per invalidi civili, ciechi, sordomuti e i percettori di reddito di cittadinanza. I dipendenti che lavorano nel privato dovranno presentare un’autodichiarazione. Con questa dovranno confermare di avere tutti i requisiti necessari e di non ricevere due volte l’incentivo. La circolare dell’Inps non stabilisce una scadenza per la consegna dell’autodichiarazione. Il datore di lavoro sceglierà tempi e modalità tenendo conto che il bonus verrà versato con lo stipendio di luglio. Chi lavora nel pubblico, chi è pensionato e chi è disoccupato lo riceverà automaticamente.
Tra i lavoratori dipendenti che non riceveranno il bonus, ci sono tutti i titolari di un contratto regolare con uno stipendio superiore ai 2692 euro lordi. Sono esclusi anche i soggetti assunti a fine giugno o che terminano il proprio rapporto di lavoro in quella data e non ne hanno uno attivo dal primo luglio.

I collaboratori domestici come colf, badanti e baby sitter riceveranno i 200 euro a ottobre, mentre tutte le altre categorie (in cui rientrano, per esempio, gli stagionali intermittenti, co.co.co, i lavoratori dello spettacolo) ne beneficeranno in seguito.
Il bonus andrà anche ai lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle gestioni previdenziali obbligatorie Inps. Ma per questa categoria è stato istituito un fondo da 500 milioni. Bisogna soltanto attendere un decreto ministeriale. I titolari di contratti di lavoro autonomo occasionale, che non hanno partita Iva, per ricevere i 200 euro dovranno rispettare due requisiti: essere iscritti alla gestione separata Inps e aver versato almeno un contributo mensile nel 2021.

Alcuni lavoratori hanno visto il bonus di 200 euro nel cedolino di giugno. In questi casi si era in presenza, per esempio, di part-time ciclico e la retribuzione verrà corrisposta, comunque, nel mese successivo. Ci sono poi i dipendenti che hanno un contratto collettivo nazionale di lavoro con una clausola che prevede lo slittamento della retribuzione al mese successivo.

I REQUISITI

Per ottenere il bonus è necessario essere residenti in Italia; essere titolare di un contratto di lavoro o trattamento pensionistico da previdenza obbligatoria dal 30 giugno 2022; avere uno stato di disoccupazione almeno da giugno; avere un reddito inferiore ai 35mila euro lordi; aver beneficiato dell’esonero contributivo dello 0,8 per cento nei primi quattro mesi del 2022. Il bonus di 200 euro, inoltre, non prevede una tassazione perché non concorre alla formazione del reddito ai fini Irpef.

CHI NON RICEVERÀ I 200 EURO

Come denunciato dai sindacati Cgil, Cisl e Uil a essere esclusi, però, da questa misura sono gli stagisti, i tirocinanti, i lavoratori precari, gli agricoli, i lavoratori dello spettacolo che abbiano esercitato la loro professione per meno di 50 giornate nel 2021. Le categorie, quindi, che ne avrebbero più bisogno.

Ti potrebbe interessare
Economia / Altro che giustizia sociale: la nuova austerity energetica è roba da ricchi
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Ti potrebbe interessare
Economia / Altro che giustizia sociale: la nuova austerity energetica è roba da ricchi
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Economia / Bonus 200 euro per le partite Iva: chi può richiederlo e come fare domanda
Economia / Addio ai voli a 10 euro di Ryanair. Pesa il caro energia
Economia / Flat tax: che cos’è e come funziona
Economia / Salvini promette la flat tax al 15%, Berlusconi al 23%: ecco quanto costerebbe
Economia / Eredita 4 miliardi di euro, ma li rifiuta: “È una questione di correttezza”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Economia / Banca Ifis: utile netto in crescita del 50% a 72,5 milioni di euro nel 1° semestre 2022