Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Un neo-laureato su 3 rimane disoccupato: penalizzati i giovani del Sud e le donne

Immagine di copertina

Ci si laurea molto prima, ma 1 neolaureato su 3 è senza lavoro

Nonostante l’età media di chi ha conseguito una laurea cali ancora rispetto agli anni precedenti, 1 neolaureato su 3 è senza lavoro: è quanto emerge dal XXIII Rapporto AlmaLaurea, che ogni anno delinea il profilo e la condizione occupazionale dei laureati.

Dal rapporto, che si basa su 291mila laureati di 76 atenei diversi per quanto riguarda il profilo dei laureati e su 655mila laureati di 76 atenei per quello che riguarda la condizione occupazionale, emerge che l’età media di chi consegue un titolo accademico si abbassa ancora ed è pari a 25,8 anni. Le donne rappresentano oltre la metà dei laureati, ovvero il 58,7% del totale.

Tuttavia, il rapporto sulla condizione occupazionale evidenzia nel corso del 2020 alcune criticità nelle opportunità di occupazione, in particolare per i neo-laureati.

In particolare, si legge nel rapporto, tra “i laureati intervistati a un anno dal titolo si rileva una contrazione del tasso di occupazione rispetto alla precedente rilevazione. La pandemia pare aver colpito soprattutto le opportunità di trovare lavoro, meno la qualità del tipo di occupazione trovata, anche se ciò rappresenta una media di situazioni profondamente eterogenee vissute da chi si è inserito nel mercato del lavoro prima e dopo l’emergere della pandemia”.

Nel rapporto, in cui si evidenzia anche un aumento dello smart working e dell’home working, si registra che nel “2020 il tasso di occupazione è pari, a un anno dal conseguimento del titolo, al 69,2% tra i laureati di primo livello e al 68,1% tra i laureati di secondo livello del 2019. A cinque anni dal conseguimento del titolo il tasso di occupazione è pari all’88,1% per i laureati di primo livello e all’87,7% per i laureati di secondo livello”.

Secondo AlmaLaurea gli “effetti della pandemia sono più visibili nei neolaureati a un anno dalla laurea e sull’opportunità di trovare lavoro. Rispetto alla precedente rilevazione, il tasso di occupazione a un anno è diminuito di 4,9 punti percentuali per i laureati di primo livello e di 3,6 punti per quelli di secondo livello”.

Discorso diverso per i laureati a 5 anni dal conseguimento del titolo, che sembrano aver retto gli effetti della pandemia di Covid. “Il confronto con la rilevazione dello scorso anno mostra che il tasso di occupazione risulta in calo di 0,6 punti percentuali tra i laureati di primo livello e, al contrario, in aumento di 0,9 punti tra i laureati di secondo livello”.

Nel rapporto, inoltre, si “confermano significative le tradizionali differenze di genere e territoriali mostrando, a parità di condizioni, la migliore collocazione degli uomini (17,8% di probabilità in più di essere occupati a un anno dalla laurea rispetto alle donne) e di quanti risiedono al Nord (+30,8% di probabilità di essere occupati a un anno dal titolo rispetto a quanti risiedono al Sud)”.

Ti potrebbe interessare
Economia / Confindustria, sindacati, partiti: ecco chi rema contro il salario minimo legale
Economia / Nuove criptovalute da comprare nel 2022
Economia / Il profitto in fondo al tunnel: l’ultima battaglia di Musk è contro il traffico
Ti potrebbe interessare
Economia / Confindustria, sindacati, partiti: ecco chi rema contro il salario minimo legale
Economia / Nuove criptovalute da comprare nel 2022
Economia / Il profitto in fondo al tunnel: l’ultima battaglia di Musk è contro il traffico
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Economia / Ita, il manager Alfredo Altavilla: “Stipendio troppo basso, lede la mia storia”
Economia / Altro che più libertà: le criptovalute favoriscono la concentrazione del potere nelle mani di pochi (di A. Stille)
Economia / Bonus 200 euro, chi dovrà fare richiesta e chi lo riceverà in automatico
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Economia / Bonus condizionatori: ecco chi può averlo e come si ottiene