Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

“Tempesta”, la collana di graphic thriller che ripropone successi letterari del passato in versione graphic

Immagine di copertina
La forma del buio

Grandi scrittori della letteratura crime italiana, hanno trasformato i loro romanzi Best Seller in Graphic Thriller, grazie al talento di alcuni tra i migliori fumettisti italiani. A unirli è la collana “Tempesta” della Round Robin editrice curata dallo scrittore Mirko Zilahy, e disegni di Domenico Esposito, che firma la prima uscita “La forma del buio”, tratto dall’omonimo romanzo edito da Longanesi. Il libro è stato pubblicato in diversi paesi riscuotendo uno straordinario successo di pubblico in Germania, Spagna, Olanda e Repubblica Ceca.

La forma del buio

Tra gli autori anche Romano De Marco e Mario Schiano che firmano la versione graphic di Milano a mano armata, che ripropone “poliziottesco made in Italy”, carico di violenza e paura, già vincitore del Lomellina in giallo. Nel 2021 anche la regina del noir, Ilaria Tuti, in cima a tutte le classifiche entrerà a far parte della squadra degli autori di Tempesta, firmando la terza uscita della collana. Entrambi i volumi si fregiano della sceneggiatura di Emanuele Bissattini; di una copertina rigida a colori e tavole in bianco e nero al prezzo di 18,00 euro a volume.

Milano a mano armata

Tempesta è la prima collana italiana dedicata al graphic thriller. Tempesta è il brivido che origina dal centro del Maelstrom di Poe e si abbatte sulle coste del Mediterraneo scaricandoci addosso storie e violenze inaudite. Tempesta è l’angoscia e il terrore dei classici greci e latini e il vuoto siderale delle nostre metropoli di notte. Tramutata in un gesto magico e visionario – la parola e il disegno – Tempesta racconta l’oscura potenza che squassa i luoghi e i personaggi del romanzo di Emily Bronte e quella nefasta che falcia le vite di uomini, donne e bambini nelle storie di mafie, sangue e denari della provincia italiana. Tempesta è la paura del buio e della notte, dei vivi e dei morti, dei giusti e dei mostri. Il thriller in ogni possibile forma e sfumatura.

AUTORE E CURATORE

Mirko Zilahy è nato a Roma nel 1974. Laureato in Lingue e Letterature Straniere, ha conseguito un PhD in Italian presso il Trinity College di Dublino dove ha insegnato Lingua e Letteratura italiana. È cultore di Lingua e Letteratura inglese presso l’Università per Stranieri di Perugia. Ha pubblicato saggi su autori irlandesi e interventi su scrittori italiani contemporanei. È traduttore letterario dall’inglese (Fazi, Nutrimenti, Rizzoli, minimum fax, Longanesi), editor e consulente editoriale. Nel 2014 ha tradotto Il Cardellino di Donna Tartt per Rizzoli. Il suo romanzo d’esordio È Così Che Si Uccide, primo di una trilogia, uscito nel gennaio 2016 in Italia, e pubblicato in Germania, Spagna, Olanda, Francia, Repubblica Ceca e in Grecia. È in corso di traduzione in Turchia. Ad aprile 2017 è stato pubblicato da Longanesi il seguito, La Forma del Buio. I diritti sono stati venduti in Germania, Olanda, Spagna e Repubblica Ceca. L’ultimo capitolo della trilogia dell’autore Così Crudele è la Fine è uscito per Longanesi nel maggio 2018. Tutti e tre i romanzi sono stati opzionati la Leone cinematografica per una serie tv.

Ti potrebbe interessare
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Ti potrebbe interessare
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Cultura / Un libro di corsa: Io e (il) mostro
Cultura / De Giovanni a TPI: “Draghi non è espressione del voto democratico”
Cultura / Tutta la magia del Natale da Nord a Sud Italia
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana