Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Raffaele Pisu è morto, il popolare attore aveva 94 anni

Immagine di copertina

Raffaele Pisu è morto, il popolare attore aveva 94 anni | Chi era

È morto oggi 31 luglio 2019 Raffaele Pisu. Il famoso attore e conduttore bolognese aveva 94 anni. Pisu è stato uno dei comici che meglio ha raccontato l’Italia del Dopoguerra, prendendo parte a trasmissioni di successo come “L’amico del giaguaro”, “Ma che domenica amici” e “Senza rete”.

Nato a Bologna il 24 maggio 1925, da tempo era ricoverato nell’hospice di Castel San Pietro Terme (Bologna) per una malattia.

Raffaele Pisu morto | Chi era | Carriera

Ha raccontato come pochi l’Italia del Dopoguerra, sfruttando a pieno le potenzialità della radio e della tv dell’epoca. La sua carriera è nata proprio grazie ai microfoni di Radio Bologna, insieme al fratello Mario, conducendo trasmissioni di varietà, come l’Uccellino della radio, nel quale dava consigli e ammonizioni ai giovani ascoltatori.

Nella vita di Pisu un ruolo fondamentale lo ebbe anche la politica. Fu infatti un partigiano e nella lotta per la liberazione dell’Italia fu anche internato in Germania per quindici mesi. Nonostante l’esperienza drammatica della guerra, mantenne sempre il suo spirito comico.

Si dedicò così al teatro comico, prima di entrare a Radio Roma; partecipò così alla prima edizione di Giringiro, programma radiofonico che commentava in modo parodistico la tappa del giorno del Giro d’Italia.

Da qui nacque la passione di Raffaele Pisu per le parodie, realizzando in tv numerose caricature e imitazioni dei personaggi più in voga di quel periodo. Tra gli anni Cinquanta e Sessanta partecipa a numerose trasmissioni televisive, come Lui, lei e gli altri (1956), il teleromanzo-musical Valentina (1958) e il programma cult presentato da Corrado L’amico del giaguaro (1961).

Pisu è stato anche un apprezzato attore cinematografico. Lo ricordiamo ad esempio in film come Italiani brava gente (1965) di Giuseppe De Santis senza abbandonare mai la radio, sua grande passione.

Altri programmi a cui prese parte furono Camera 22 (1966), La trottola (1966), Vengo anch’io (1968) e Ma che domenica amici (1968), in cui lanciò il personaggio di Provolino. E ancora Senza rete (1969), La domenica è un’altra cosa (1969), Come quando fuori piove (1971), Foto di gruppo (1974) e Ma che scherziamo? (1976).

All’inizio degli anni Novanta Raffaele Pisu, morto oggi 31 luglio, tornò in televisione alla conduzione di Striscia la notizia. Recentemente Pisu ha recitato in fiction televisive quali Non ho l’età (2001), Una vita in regalo (2003), Ma chi l’avrebbe mai detto (2007), Marameo (2008) e Don Matteo 6 (2008), e in film come Il trasformista (2002), Le conseguenze dell’amore (2004) e Non c’è più niente da fare (2008).

Ti potrebbe interessare
Cultura / Il Festival Ultraqueer: come creare spazi inclusivi attraverso l’atto performativo
Cultura / Ecco “Dodici”, il nuovo romanzo di Tiziana D’Oppido
Cultura / L’arte è di tutti: viaggio nel Parco Internazionale di Scultura di Banca Ifis
Ti potrebbe interessare
Cultura / Il Festival Ultraqueer: come creare spazi inclusivi attraverso l’atto performativo
Cultura / Ecco “Dodici”, il nuovo romanzo di Tiziana D’Oppido
Cultura / L’arte è di tutti: viaggio nel Parco Internazionale di Scultura di Banca Ifis
Cultura / In viaggio alla scoperta dei musei ferroviari italiani
Cultura / Salone Internazionale del Libro di Torino: la celebrazione della creatività in tutte le sue sfumature
Cultura / È morta Alice Munro, premio Nobel per la letteratura
Cultura / Un libro di corsa: Tutti su questo treno sono sospetti
Cultura / “Ci siamo traditi tutti”, un estratto dal libro di Maddalena Crepet
Cultura / Interviste impossibili ai padri della patria: quando il saggio si fonde con la creatività storica
Cultura / Stranieri ovunque: il viaggio di TPI nella 60esima Biennale Internazionale d’Arte di Venezia