Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Nadia Terranova, candidata al Premio Strega con “Addio Fantasmi”: di cosa parla il romanzo?

Immagine di copertina

NADIA TERRANOVA PREMIO STREGA 2019 – Nadia Terranova è candidata al Premio Strega 2019 con il suo romanzo “Addio fantasmi”, edito dalla casa editrice Einaudi.

Vi avevamo già parlato dei suoi colleghi, per non dire avversari, Antonio Scurati e Marco Missiroli e adesso passiamo a raccontarvi una storia il cui fulcro è l’ossessione della perdita.

Nadia Terranova Premio Strega 2019 | Addio fantasmi

“Addio fantasmi” ha come protagonista Ida, di ritorno a Messina (sua città Natale) per via di sua madre. L’appartamento di famiglia, ormai in vendita, deve essere ristrutturato e la madre richiama Ida a sé, dandole modo di sbirciare in un pezzo di vita che fatica ad andar via.

Costretta a scegliere tra cosa va e cosa resta di una vita passata, composta da oggetti e ricordi, Ida deve affrontare il trauma peggiore della sua infanzia: la perdita di suo padre, scomparso ventri anni prima.

Premio Strega 2019, svelati i 12 libri in gara

Non è stata una morte improvvisa: non è stata proprio una morte. Suo padre è vivo e vegeto, soltanto che lei non sa dov’è. Una mattina è uscito di casa e non è più tornato indietro, lasciandosi la famiglia alle spalle.

Nadia Terranova Premio Strega 2019 | L’abbandono del padre

A causa di suo padre, Ida ha perso anche un po’ sua madre perché, dopo quella scomparsa, il loro rapporto è andato deteriorandosi, composto da liti e lunghi silenzi.

Anche il rapporto col marito è basato sulla necessità di essere salvata, sulla paura dell’abbandono. Una paura che torna a farsi viva in modo prepotente con il suo ritorno a casa, circondata da quei fantasmi del passato che non sono mai andati via e che lei, adesso, deve avere il coraggio di cacciare.

Nadia Terranova Premio Strega 2019 | L’autrice

Nadia Terranova è nata a Messina nel 1978, ma attualmente vive a Roma. Nel 2015, ha pubblicato il romanzo “Gli anni al contrario” vincendo diversi premi tra cui Bagutta Opera Prima e l’americano The Bridge Book Award e nel 2019 è candidata al Premio Strega con “Addio fantasmi”.

La Terranova ha pubblicato anche diversi libri per ragazzi come “Bruno il bambino che imparò a volare” nel 2012 e “Casca il mondo” nel 2016.

I suoi testi sono tradotti in diverse lingue (francese, spagnolo, polacco, lituano).

Ti potrebbe interessare
Cultura / La mostra “Teste Elleniche: George Petrides” arriva ad Aprile a Venezia
Cultura / Michele Serra sull’intervista “censurata” a Ghali da Repubblica: “Ogni volta che uno dice ‘Gaza’ bisogna sgridarlo perché non ha detto ‘sette ottobre’?”
Cultura / Falce e carrello: torna in libreria la nuova edizione del libro scritto da Bernardo Capriotti
Ti potrebbe interessare
Cultura / La mostra “Teste Elleniche: George Petrides” arriva ad Aprile a Venezia
Cultura / Michele Serra sull’intervista “censurata” a Ghali da Repubblica: “Ogni volta che uno dice ‘Gaza’ bisogna sgridarlo perché non ha detto ‘sette ottobre’?”
Cultura / Falce e carrello: torna in libreria la nuova edizione del libro scritto da Bernardo Capriotti
Cultura / Disinformatia: guida alla più grande minaccia alla libertà a livello mondiale
Cultura / Garrone porta “Io capitano” in Senegal, nei villaggi dove il cinema non c’è
Cultura / Al via Bologna Arte Fiera 2024
Cultura / Trovate mille monete di epoca romana, il Consiglio di Stato dà torto al Ministero: “Metà a chi le ha scoperte”
Cultura / Achab, in arrivo il nuovo numero della rivista letteraria dedicato al carcere
Cultura / Passeggiando lungo pingjiang e ammirando la conservazione e il rinnovamento dell’antica città di Suzhou
Cultura / La particolare raffinatezza del ricamo cinese