Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Lungo petalo di mare, il nuovo libro di Isabel Allende: “Il mio romanzo è per migranti e rifugiati”

Immagine di copertina

L'autrice cilena ha dedicato il suo ultimo romanzo alla storia dei rifugiati in fuga dalla Spagna di Franco

Il nuovo romanzo di Isabel Allende sui migranti in fuga dalla Spagna franchista

Lungo petalo di mare è il nuovo romanzo di Isabel Allende, in cui la scrittrice cilena racconta la storia dei rifugiati antifascisti in fuga dalla Spagna franchista sulla nave Winnipeg, accolti in Cile fino al golpe fascista di Pinochet del 1973.

L’autrice de La casa degli spiriti ha raccontato in un’intervista apparsa su La Stampa il 23 ottobre che ha deciso di raccontare del calvario dei rifugiati spagnoli in Cile solo adesso perché “ora la condizione di milioni di rifugiati è diventata parte della coscienza collettiva”.

Il libro è dedicato ai “naviganti della speranza, ai migranti e i rifugiati che vagano per il mondo, che oggi sono più di 60 milioni, soprattutto donne e bambini”, spiega Allende, parente del presidente socialista cileno deposto con il golpe di Pinochet nel 1973.

Protagonisti del racconto Lungo petalo di mare sono un medico e una pianista, Victor e Roser, e la loro storia d’amore che si sviluppa nella cornice della Spagna di Franco e nel Cile di Salvador Allende.

“Il fascismo è sempre presente nel mondo: nazionalismo, autoritarismo, razzismo, xenofobia, misoginia ed esclusione di chiunque non sia d’accordo […] È stato semplicemente messo sotto controllo in quei paesi che danno valore alla democrazia. Certo, potrebbe tornare. Oggi ne vediamo chiari segni”, dice Allende durante l’intervista.

E sul Cile di questi giorni, attraversato da scontri e proteste contro il governo di Sebastián Piñera, la scrittrice dichiara: “Sebbene il paese sembri prospero, la distribuzione della ricchezza è spaventosa”.

“Il neoliberismo è un sistema crudele per i lavoratori. Ha concentrato la ricchezza in poche mani. In Cile quasi tutto è stato privatizzato: elettricità, acqua, gas, sanità, trasporti, istruzione, pensioni, ecc. Anche le foreste. La disuguaglianza crea violenza. Tutte le rivoluzioni iniziano con la disuguaglianza”.

Undici libri da leggere o regalare durante le vacanze di Natale
Ti potrebbe interessare
Cultura / Ecco Chentannos: foto e interviste per raccontare gli anziani più longevi della Sardegna
Cultura / La classifica delle migliori università del mondo: il Politecnico di Milano primo fra le italiane
Cultura / Un libro di corsa: Tu sei qui
Ti potrebbe interessare
Cultura / Ecco Chentannos: foto e interviste per raccontare gli anziani più longevi della Sardegna
Cultura / La classifica delle migliori università del mondo: il Politecnico di Milano primo fra le italiane
Cultura / Un libro di corsa: Tu sei qui
Cultura / Il Festival Ultraqueer: come creare spazi inclusivi attraverso l’atto performativo
Cultura / Ecco “Dodici”, il nuovo romanzo di Tiziana D’Oppido
Cultura / L’arte è di tutti: viaggio nel Parco Internazionale di Scultura di Banca Ifis
Cultura / In viaggio alla scoperta dei musei ferroviari italiani
Cultura / Salone Internazionale del Libro di Torino: la celebrazione della creatività in tutte le sue sfumature
Cultura / È morta Alice Munro, premio Nobel per la letteratura
Cultura / Un libro di corsa: Tutti su questo treno sono sospetti