Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Gesù Cristo è veramente esistito?

Immagine di copertina

Mentre la maggior parte degli storici sostiene che l'uomo Cristo sia esistito e sia poi stato mitizzato e considerato figlio di Dio, il dibattito è ancora aperto

Qualunque cosa si pensi sul fatto che sia o meno il “figlio di Dio”,  l’esistenza di Gesù come figura storica è stata raramente contestata.

I testi antichi cristiani, ebraici e romani concordano sulla sua reale esistenza. In Antichità giudaiche, in latino Antiquitates iudaicae, un’opera dello storico giudeo romanizzato Flavio Giuseppe, scritta intorno al 93-94 dopo Cristo, viene menzionato il Gesù biblico nei libri 18 e 20. Lo storico romano Tacito, nei suoi Annali, scritti intorno al 116 dopo Cristo, faceva riferimenti sia a Cristo che alla sua esecuzione voluta da Ponzio Pilato.

Tuttavia, molti storici hanno recentemente messo in discussione se l’uomo chiamato Gesù esista in realtà, considerandolo spesso alla stregua di figure mitologiche come Ercole o di Edipo.

Oggi, molti libri esplorano l’argomento da una nuova prospettiva, tra cui Zealot di Reza Aslan, Dieci miti cristiani che mostrano come Gesù non sia mai esistito di David Fitzgerald e infine come Gesù è diventato Dio di Bart Ehrman.

Gli storici sottolineano la mancanza di fonti storiche affidabili. La maggior parte dei racconti su Gesù di Nazareth proviene da fonti cristiane, e anche queste sono in gran parte narrazioni di terze parti scritte anni dopo la sua morte.

Nella Bibbia non esiste alcuna menzione della vita di Gesù tra tra i 12 e 30 anni. Fitzgerald sostiene che per secoli tutti i seri studiosi del cristianesimo erano cristiani stessi e così anche i racconti secolari dipendono pesantemente dai testi religiosi che ne rappresentano il fondamento. Quindi, a suo parere, non possono essere considerate fonti indipendenti.

Lo storico Richard Carrier sostiene che anche i riferimenti a Gesù nell’opera di Flavio Giuseppe furono aggiunte dagli scribi cristiani, sottolineando che un particolare passaggio, l’esecuzione di Gesù sotto Pilato, prende evidente spunto dal Vangelo di Luca.

Alcuni sostengono inoltre che Gesù Cristo potrebbe inoltre essere in realtà un predicatore ebreo chiamato Yeshua ben Yosef, che ha ispirato molte persone con i suoi insegnamenti. Mentre la maggior parte degli storici sostiene che l’uomo Cristo sia esistito e sia poi stato mitizzato e considerato figlio di Dio, il dibattito è ancora aperto.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Sergio Castellitto a TPI: “Il cinema è anestetizzato, la politica non c’è più. Non arrendiamoci al conformismo”
Cultura / Le mostre più belle da vedere a Roma in questi giorni di giugno 2022
Cultura / Una repubblica mondiale, tra fiaba e utopia
Ti potrebbe interessare
Cultura / Sergio Castellitto a TPI: “Il cinema è anestetizzato, la politica non c’è più. Non arrendiamoci al conformismo”
Cultura / Le mostre più belle da vedere a Roma in questi giorni di giugno 2022
Cultura / Una repubblica mondiale, tra fiaba e utopia
Cultura / Scuola e Università Online: una borsa di studio per i talenti della Didattica a Distanza
Cronaca / Maturità, Dacia Maraini a TPI: “Importante il ritorno del tema scritto. È il pensiero che diventa forma”
Cultura / Un libro di corsa: Il dubbio del killer
Cultura / “La stanza di Adel”, il nuovo romanzo di Ruggero Pegna sul tema dell’adozione
Cultura / La Biennale Arte 2022: i vincitori
Cultura / “L’apprendista stregone. Consigli, trucchi e sortilegi per aspiranti studiosi”: la recensione del libro di Daniele Archibugi
Cultura / Un libro di corsa: Mamma per cena