Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Claudia Durastanti, candidata al Premio Strega con “La straniera”: di cosa parla il romanzo?

Immagine di copertina

CLAUDIA DURASTANTI PREMIO STREGA 2019 – Claudia Durastanti è una delle autrici che partecipa tra i 12 finalisti del Premio Strega 2019, uno dei premi letterari italiani più ambiti e rinomati.

Il romanzo in gara è intitolato “La straniera” ed è stato proposto da Furio Colombo che l’ha definito come un “romanzo che merita attenzione per tre aspetti del tutto insoliti (oltre all’insolito percorso biografico e di lavoro dell’autrice, che è e non è una straniera). Il primo aspetto è certamente il linguaggio. Riflette in modo curioso (sorprendente) una vita, in modo più efficace di un sequenza di notizie”.

Di cosa parla “La straniera”? E cosa sappiamo della sua autrice?

Claudia Durastanti Premio Strega 2019 | La straniera

“La storia di una famiglia somiglia più a una cartina topografica che a un romanzo, e una biografia è la somma di tutte le ere geologiche che hai attraversato”. Così inizia la trama di questo romanzo. Come facciamo a ricostruire il nostro vissuto se non organizzando una mappa? Il romanzo della Durastanti è un viaggio in realtà, che ci porta dalla Basilicata a Brooklyn. La protagonista è figlia di due genitori sordi e si sposta in un paesino lucano dalla pullulante New York che era soltanto una bambina.

La sua è stata un’infanzia movimentata, si sposta continuamente tra Italia e Stati Uniti.

La casa editrice, La Nave di Teseo, ha definito questo “non solo memoir, non solo romanzo, in questo libro dalla definizione mobile come un paesaggio e con un linguaggio così ampio da contenere la geografia e il tempo, Claudia Durastanti indaga il sentirsi sempre stranieri e ubiqui”.

Claudia Durastanti Premio Strega 2019 | L’autrice

La Durastanti è nata a Brooklyn nel 1984. Il suo primo romanzo è stato “Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra” nel 2010, romanzo che ha vinto il Premio Mondello Giovani. Nel 2013, la Durastanti ha poi pubblicato “A Chloe, per le ragioni sbagliate” e nel 2016 “Cleopatra va in prigione”. La scrittrice è tra i fondatori del Festival of Italian Literature in London; oggi vive a Londra e collabora con il quotidiano La Repubblica. Nel 2019, partecipa al Premio Strega con “La straniera“.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Sergio Castellitto a TPI: “Il cinema è anestetizzato, la politica non c’è più. Non arrendiamoci al conformismo”
Cultura / Le mostre più belle da vedere a Roma in questi giorni di giugno 2022
Cultura / Una repubblica mondiale, tra fiaba e utopia
Ti potrebbe interessare
Cultura / Sergio Castellitto a TPI: “Il cinema è anestetizzato, la politica non c’è più. Non arrendiamoci al conformismo”
Cultura / Le mostre più belle da vedere a Roma in questi giorni di giugno 2022
Cultura / Una repubblica mondiale, tra fiaba e utopia
Cultura / Scuola e Università Online: una borsa di studio per i talenti della Didattica a Distanza
Cronaca / Maturità, Dacia Maraini a TPI: “Importante il ritorno del tema scritto. È il pensiero che diventa forma”
Cultura / Un libro di corsa: Il dubbio del killer
Cultura / “La stanza di Adel”, il nuovo romanzo di Ruggero Pegna sul tema dell’adozione
Cultura / La Biennale Arte 2022: i vincitori
Cultura / “L’apprendista stregone. Consigli, trucchi e sortilegi per aspiranti studiosi”: la recensione del libro di Daniele Archibugi
Cultura / Un libro di corsa: Mamma per cena