Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Chiara Ferragni e il bambinello Leo, il nuovo graffito di Tv Boy: “Chiara Ferragni con acqua benedetta” | VIDEO

Lo street artist da Roma si sposta a Milano. Dopo i disegni con protagonisti politici, arriva quello con l'influencer italiana ritratta nelle vesti di una santa

Tv Boy colpisce ancora: lo street artist, diventato famoso per i suoi pezzi con protagonisti politici del calibro di Matteo Salvini e Luigi Di Maio, da Roma si sposta a Milano dove disegna una Chiara Ferragni inedita, nelle vesti di una santa.

Con in braccio il piccolo Leone, i due ricordano un’immagine sacra. Con tanto di aureola. E Tv Boy infatti ribattezza il graffito spuntato in via Torino “Santa Chiara con acqua benedetta”. Se con un braccio tiene Leo, con l’altra mano l’influencer tiene una bottiglia d’acqua, sulla quale spunta l’occhio dalle ciglia lunghe, marchio di Chiara Ferragni.

Tv Boy si rifà esplicitamente alla polemica che ha travolto la fashion blogger sull’acqua griffata a otto euro a bottiglia. Con un post su Instagram, è lo stesso street artist a spiegare il senso del pezzo milanese: “La regina dell’influencer marketing Chiara Ferragni ha in braccio suo figlio e una bottigletta d’acqua che i suoi follower acquistano come se fosse benedetta da Santa Chiara”, scrive.

“L’allusione è ovviamente al lancio della campagna pubblicitaria della marca di acqua minerale di un famoso gruppo agroalimentare francese. Un murales che con ironia, vuole far riflettere sull’idolatria e il culto alle icone dello spettacolo nella nostra società contemporanea”, spiega l’artista.

Lei, dal canto suo, non sembra cogliere la neppure troppo velata critica e su Instagram pubblica una storia con il graffito e il tag allo street artist. Poi il commento: “This is so cool”. Yes.

Gli altri lavori di Tv Boy e la satira politica 

Nella notte tra il 22 e il 23 marzo 2018, a Roma, sono comparsi due provocatori murales. Il primo raffigura i politici Matteo Salvini, della Lega, e Luigi Di Maio, del Movimento 5 Stelle, mentre si baciano con alle spalle un cuore rosso. Il secondo ha come protagonista la fondatrice di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che tiene in braccio un bambino africano.

Il murales che rappresenta Salvini e Di Maio, intitolato “Amor populi”, è spuntato in via del Collegio Capranica, nel centro di Roma, ed è firmato da Salvatore Benintende, in arte “tvboy”, un artista di strada 30enne originario della Sicilia che attualmente vive a Barcellona.

Il 14 giugno, invece, Roma si è svegliata con tre nuovi murales. Ovviamente, con i tempi che corrono, il tema è politico e il protagonista è il neopremier Giuseppe Conte.

Dopo l’ormai famoso bacio di Salvini e Di Maio, il primo “blitz” di TvBoy (lo stile è inconfondibile) in piazza della Torretta a Roma, a due passi dall’Ordine dei Giornalisti, ritrae il Premier con in mano un fantasioso numero della Gazzetta ufficiale.

“Lista di cose da fare per salvare il Paese”, il titolo del “documento” tenuto in mano dal Presidente del Consiglio, che richiama il tanto analizzato contratto di governo, composto da dieci punti tutti interrogativi.

 

Ti potrebbe interessare
Cultura / Michele Serra sull’intervista “censurata” a Ghali da Repubblica: “Ogni volta che uno dice ‘Gaza’ bisogna sgridarlo perché non ha detto ‘sette ottobre’?”
Cultura / Falce e carrello: torna in libreria la nuova edizione del libro scritto da Bernardo Capriotti
Cultura / Disinformatia: guida alla più grande minaccia alla libertà a livello mondiale
Ti potrebbe interessare
Cultura / Michele Serra sull’intervista “censurata” a Ghali da Repubblica: “Ogni volta che uno dice ‘Gaza’ bisogna sgridarlo perché non ha detto ‘sette ottobre’?”
Cultura / Falce e carrello: torna in libreria la nuova edizione del libro scritto da Bernardo Capriotti
Cultura / Disinformatia: guida alla più grande minaccia alla libertà a livello mondiale
Cultura / Garrone porta “Io capitano” in Senegal, nei villaggi dove il cinema non c’è
Cultura / Al via Bologna Arte Fiera 2024
Cultura / Trovate mille monete di epoca romana, il Consiglio di Stato dà torto al Ministero: “Metà a chi le ha scoperte”
Cultura / Achab, in arrivo il nuovo numero della rivista letteraria dedicato al carcere
Cultura / Passeggiando lungo pingjiang e ammirando la conservazione e il rinnovamento dell’antica città di Suzhou
Cultura / La particolare raffinatezza del ricamo cinese
Cultura / Jingdezhen, la capitale della porcellana: una fornace millenaria con una lunga storia culturale