Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Il video in cui Banksy spiega l’ultima trovata del quadro che si autodistrugge al termine dell’asta

Immagine di copertina
Su Instagram l'artista spiega le motivazioni del gesto. Credit: Instagram/Banksy

L’anonimo artista Banksy, noto per il suo attivismo sociale, ha pubblicato un video sulla sua pagina Instagram in cui spiega perché ha fatto in modo che il celeberrimo quadro “Ragazza con palloncino”, venduto all’asta per un milione di sterline, si autodistruggesse: “Qualche anno fa ho segretamente costruito un tritadocumenti nel dipinto, nel caso in cui venisse battuto all’asta”.

Il celeberrimo quadro di “Ragazza con palloncino”, tra le opere più note dell’artista inglese, era stato battuto per oltre un milione di sterline a un’asta organizzata a Londra da Sotheby’s.

Poco dopo che il banditore ha battuto il martello però una sorta di tritadocumenti, apparentemente nascosto dietro la cornice, ha distrutto gran parte della tela che è scivolata fuori dal quadro in tante striscioline.

Non è chiaro se l’artista fosse in sala ed abbia azionato egli stesso il meccanismo nascosto. Poco dopo l’incidente, un uomo vestito di nero con cappello e occhiali da sole è stato visto parlottare con le guardie all’ingresso della casa d’aste.

A far propendere per questa ipotesi è anche il fatto che, sulla sua pagina Instagram, Banksy ha condiviso una foto del dipinto con il commento: “Vai, vai… andato”.

Stimato tra le 200mila e le 300mila sterline (225mila e 341mila euro), ad aggiudicarsi il quadro era stato un anonimo compratore per telefono, offrendo 1.042.000 sterline (1.180.000 euro). Una cifra da record per l’artista.

Il quadro era stato autenticato da Pest Control, l’organizzazione che agisce per conto di Banksy. Aveva firma e dedica sul retro e “cornice fatta dall’artista”. Era stato acquistato dal venditore direttamente dall’artista nel 2006.

“Siamo stati Banksyzzati”, ha ironizzato Alex Branczik, senior director di Sotheby’s. “Non ci è mai capitato in passato che un quadro si distruggesse spontaneamente dopo aver raggiunto una cifra da record per l’artista. Siamo impegnati a capire che cosa possa significare nel contesto di un’asta”.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Ecco “Dodici”, il nuovo romanzo di Tiziana D’Oppido
Cultura / L’arte è di tutti: viaggio nel Parco Internazionale di Scultura di Banca Ifis
Cultura / In viaggio alla scoperta dei musei ferroviari italiani
Ti potrebbe interessare
Cultura / Ecco “Dodici”, il nuovo romanzo di Tiziana D’Oppido
Cultura / L’arte è di tutti: viaggio nel Parco Internazionale di Scultura di Banca Ifis
Cultura / In viaggio alla scoperta dei musei ferroviari italiani
Cultura / Salone Internazionale del Libro di Torino: la celebrazione della creatività in tutte le sue sfumature
Cultura / È morta Alice Munro, premio Nobel per la letteratura
Cultura / Un libro di corsa: Tutti su questo treno sono sospetti
Cultura / “Ci siamo traditi tutti”, un estratto dal libro di Maddalena Crepet
Cultura / Interviste impossibili ai padri della patria: quando il saggio si fonde con la creatività storica
Cultura / Stranieri ovunque: il viaggio di TPI nella 60esima Biennale Internazionale d’Arte di Venezia
Cultura / Un libro di corsa: Butter