Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

Gambero rosso presenta la prima guida delle enoteche d’Italia

Tra i 300 indirizzi più di 54 premiati per assortimento e valore storico. La bella notizia: sempre più enoteche sono a guida femminile

Di Alberto Bomba
Pubblicato il 18 Feb. 2020 alle 16:02 Aggiornato il 18 Feb. 2020 alle 16:03
0
Immagine di copertina
ROMA 17 febbraio 2020. Convegno Gambero Rosso, Global Summit VINO 4.0 © Francesco Vignali Photography

Gambero rosso presenta la prima guida delle enoteche d’Italia

Tutto cambia. Cambiano i gusti del pubblico per il vino, cambiano i modi con cui lo si vende. Ma soprattutto cambiano i luoghi dove comprare la bottiglia perfetta per l’occasione. L’evoluzione del commercio è un processo senza soluzione di continuità, e questo vale anche per il vino. Nasce così la prima guida alle Enoteche d’Italia del Gambero Rosso. Più di 300 indirizzi e 54 enoteche e punti vendita tradizionali la cui eccellenza è stata premiata con il nuovo simbolo –  Tre Cavatappi. La guida sarà consultabile liberamente fino al 1° marzo sul sito del gambero rosso. Per il formato cartaceo l’appuntamento è per il Vinitaly 2020.

Con la storia e l’evoluzione delle enoteche si è aperto e concluso a Roma il Convegno VINO 4.0, dove è stata presentata la Guida 2020. “Un Global Summit per analizzare e comprendere i trend di mercato, le esigenze di produzione, distribuzione e consumatori del vino Made in Italy” come ha dichiarato il Presidente Paolo Cuccia, il quale ha accolto con il curatore della guida, William Pregentelli, le eccellenze premiate sul palco dello Sheraton Hotel & Conference Center. 

ROMA 17 febbraio 2020. Convegno Gambero Rosso, Global Summit VINO 4.0 © Francesco Vignali Photography

Dalle enoteche classiche fino alla nascita dei wine-bar, passando per forme ibride in cui si mescolano vendita al dettaglio e mescita, la prima bella notizia è che in Italia il settore del vino è in crescita. E che suo interno anche quello delle enoteche lo è.  

Nel 2019 in Italia si sono prodotti 46,6 milioni di ettolitri di vino, permettendo al paese di mantiene il primato mondiale. Le esportazioni sono cresciute in maniera significativa tra il 2018 e il 2019 (15,7 milioni di ettolitri lo scorso anno, +12 per cento rispetto al 2018), per un giro d’affari del valore di 4,6 miliardi di euro (+4 per cento). 

L’altra bella notizia è l’alta la presenza femminile sul palco. “Sempre più enoteche sono guidate da donne” ha sottolineato William Pregentelli, durante l’assegnazione dei premi alle enoteche distintesi per la storia e il loro assortimento d’eccellenza. Una notizia che conferma una recente ricerca della Camera di Commercio di Monza Brianza Lodi e della Coldiretti, secondo cui non solo oggi in Italia ci sono più di 7.000 enoteche (il 4 per cento in più rispetto a 5 anni fa) ma anche che una enoteca su quattro è a guida femminile (il 26,5 per cento). 

Tra le 54 premiate sono salite sul palco Rossorubino (Torino), Antica Bottega Del Vino (Verona), Ferrowine (Castelfranco Veneto) , Ai Rusteghi (Venezia), Weindiele Winestore (Bolzano), Enoteca Galli (Senigallia), Enoteca Giò (Perugia), Al Vino Al Vino (Roma), Trimani (Roma), Roscioli (Roma), Del Gatto (Anzio).

Leggi anche:

La classifica dei migliori ristoranti italiani, secondo il Gambero Rosso

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.