Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cucina

Basque Culinary World Prize: 100.000 euro in palio per “chef rivoluzionari”

Immagine di copertina

Entro il 4 maggio è possibile segnalare iniziative con un impatto "oltre la cucina", in campi che spaziano dall'ambiente e sostenibilità, all'inclusione e tecnologia

Il Basque Culinary World Prize è alla ricerca di candidati per l’edizione 2020 del premio, dedicato a chef “rivoluzionari”, che, grazie alla loro creatività, conoscenza, leadership e imprenditorialità, hanno avuto un impatto “oltre la cucina” in aree quali tecnologia, innovazione, istruzione, ambiente, salute, produzione alimentare, sviluppo sociale ed economico.

Il vincitore riceverà 100.000 euro da destinare ad un’iniziativa a sua scelta che meglio rappresenti la forza trasformativa della gastronomia.

Questo riconoscimento internazionale, alla quinta edizione, è istituito dal Basque Culinary Center e dal Governo Basco. Il vincitore viene selezionato da una giuria interdisciplinare, composta da alcuni degli chef più influenti del mondo, insieme ad accademici ed esperti internazionali.

Il Basque Culinary World Prize ha promosso, nei suoi primi quattro anni, una discussione a livello globale sul ruolo degli chef nell’introduzione di cambiamenti sociali, ed è oggi considerato il Premio Nobel della gastronomia. Il premio ha avuto un enorme impatto facendo conoscere il lavoro di chef che costituiscono l’avanguardia del cambiamento. Ha posto sotto i riflettori le storie ispiratrici di persone che utilizzano le proprie conoscenze per affrontare problemi quali il cambiamento climatico, lo spreco del cibo, la biodiversità e lo sviluppo sociale.

Il Basque Culinary World Prize fa appello alla comunità gastronomica per scoprire, in qualunque parte del mondo, professionisti dell’alimentazione che stiano trasformando la società. Il riconoscimento è aperto a chiunque abbia un background professionale nel settore, a prescindere dalla sua cultura gastronomica, nazionalità, o notorietà. Professionisti e istituzioni del settore gastronomico hanno tempo fino al 4 maggio, meno di 90 giorni, per candidare chef che dimostrino come la gastronomia possa divenire un motore di cambiamento. Le candidature devono essere presentate attraverso il sito web del Basque Culinary World Prize.

I candidati saranno valutati da un comitato tecnico composto da massimi esperti accademici e gastronomici. Il vincitore del Basque Culinary World Prize sarà scelto dalla giuria tra dieci finalisti, nel corso del decimo incontro annuale del Basque Culinary Center International Council. Il nome del vincitore sarà annunciato a Tokyo (Giappone), nel settembre 2020, presso il ristorante di Yoshihiro Narisawa, chef bi-stellato Michelin.

Quest’anno la giuria sarà presieduta da Joan Roca e includerà chef rinomati come Andoni Luis Aduriz (Paesi Baschi), Eneko Atxa (Paesi Baschi), Massimo Bottura (Italia), Manu Buffara (Brasile), Dominique Crenn (USA), Trine Hahnemann (Danimarca), Yoshihiro Narisawa (Giappone), Enrique Olvera (Messico).

I co-fondatori del premio, il Basque Culinary Center e il Governo Basco, hanno dichiarato:

Bittor Oroz, Vice Ministro nel Governo Basco per l’Agricoltura, la Pesca e la Politica Alimentare, ha osservato che “Il Basque Culinary World Prize è un premio unico e globale, parte integrante della strategia EUSKADI BASQUE COUNTRY del Governo Basco. È un piano inclusivo e ambizioso, perché ci rendiamo conto che solo attraverso la collaborazione possiamo creare un nostro spazio nel mondo per rafforzare Euskadi (Paesi Baschi) come territorio di riferimento a livello internazionale. Abbiamo l’esperienza, dimostrata dalla nostra storia, di un Paese che è sempre stato aperto al mondo, e abbiamo inoltre una rete attiva e impegnata di comunità Basche per affrontare la sfida per l”internazionalizzazione di Euskadi. Attraverso iniziative come il BCWP, vogliamo contribuire alla costruzione di modello sociale più equo e sostenibile, al servizio degli individui”.

Joxe Mari Aizega, direttore del Basque Culinary Centre, ha sottolineato l’importanza di questo premio: “Il Basque Culinary World Prize ha messo in evidenza la gastronomia come fenomeno globale diventato forza trasformativa della società. È attraverso la gastronomia che possiamo affrontare le sfide delle società contemporanee e trovare soluzioni. Con questa 5a edizione del Basque Culinary World Prize vogliamo consolidare tale fenomeno attraverso storie e attori che dimostrino il ruolo attivo degli chef come agenti del cambiamento sociale”.

Ti potrebbe interessare
Cucina / Il caffè: un beneficio in tazza
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia
Cucina / Mangiare bene e mangiare sano con l’aceto balsamico
Ti potrebbe interessare
Cucina / Il caffè: un beneficio in tazza
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia
Cucina / Mangiare bene e mangiare sano con l’aceto balsamico
Costume / La lasagna del 2021 è in un tubetto di dentifricio
Cucina / Panettone Venchi: una bontà tutta Italiana
Cucina / Come gli anacardi agiscono positivamente sul nostro organismo
Cucina / Deliveroo festeggia cinque anni in Italia raddoppiando il numero di ordini
Cucina / Chocolate Show 2020: grande successo, nonostante Covid e maltempo
Costume / Nasce la Comunità del Rito del Caffè Espresso: “Diventi patrimonio dell’Umanità”
Cucina / Nonno Nanni lancia una nuova community per dialogare con i consumatori