Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bra, versa per un anno ansiolitici nel cappuccino della collega per prenderle il posto: condannata

Immagine di copertina

La paura di perdere il posto di lavoro ha spinto un’impiegata a versare per un anno ansiolitici nel cappuccino della collega con l’intento di prenderle il posto, dopo che l’agenzia di assicurazioni per la quale lavorano ha annunciato tagli. L’episodio, come racconta La Stampa, è avvenuto a Bra, in provincia di Cuneo. La donna è stata condannata dal tribunale di Asti a quattro anni di carcere per lesioni personali aggravate con rito abbreviato.

Il tutto è iniziato nel 2017. L’impiegata, condannata in primo grado, era incaricata di andare a ritirare le ordinazioni al bar per tutto l’ufficio durante la mattinata. Così ha sfruttato la pausa caffè per allungare il cappuccino della collega con le benzodiazepine, ansiolitici in quantità elevata,  in modo da provocarle sonnolenza, riflessi rallentati e altri malesseri. Un vero e proprio avvelenamento da ansiolitici che è andato avanti a fasi alterne fino a giugno 2018, quando i carabinieri hanno smascherato la donna.

La vittima inizialmente non ha sospettato nulla, e anzi ha iniziato a trascorrere lunghi periodi a casa, sottoponendosi a molte visite per capire quale fosse il problema. Pur non riuscendo a trovare l’origine del suo malessere, notava che stava meglio quando era a casa, e peggio quando invece trascorreva le mattinate in ufficio. Dopo un po’ di tempo aveva cominciato a sospettare che c’era qualcosa che non andava nel cappuccino, tanto da decidere di sospendere per un periodo questa quotidiana abitudine.

I carabinieri hanno seguito la sospettata al bar, notando che prima di rientrare in ufficio la donna aggiungeva qualcosa in una delle tazzine. La dipendente, in alcune occasioni, è anche stata filmata. La prova principale è stata un campione di cappuccino che la vittima aveva fatto analizzare sospettando che a causarle i fastidiosi sintomi potesse essere proprio la bevanda. Dall’esame si è visto che il cappuccino conteneva quantità elevatissime di benzodiazepine.

Leggi anche: Aereo, piscina e discoteca: così un positivo al Covid proveniente dalla Repubblica Dominicana ha contagiato 126 persone nel Vercellese

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 4.598 casi e 50 morti: il bollettino del 27 ottobre 2021
Cronaca / Bassetti: "Favorevole al lockdown per i non vaccinati"
Cronaca / I voli di Ita Airways non possono atterrare quando c’è la nebbia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 4.598 casi e 50 morti: il bollettino del 27 ottobre 2021
Cronaca / Bassetti: "Favorevole al lockdown per i non vaccinati"
Cronaca / I voli di Ita Airways non possono atterrare quando c’è la nebbia
Cronaca / Cammina nudo in tangenziale: talento della pallanuoto causa incidente a Roma
Cronaca / Covid, oggi 4.054 casi e 48 morti: tasso di positività allo 0,6%
Cronaca / Alluvione Catania, ospedale Garibaldi in ginocchio inondato dall’acqua | VIDEO
Cronaca / Pesante nubifragio si abbatte su Catania: un morto, strade inondate e blackout
Cronaca / Frosinone, tabaccaio trova ladri in casa e ne uccide uno a fucilate: indagato
Cronaca / Pugno duro di Mattarella sui no vax: “No a teorie antiscientifiche di pochi violenti”
Cronaca / Verona, madre uccide le due figlie di 3 e 11 anni in una casa-famiglia e fugge