Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Bra, versa per un anno ansiolitici nel cappuccino della collega per prenderle il posto: condannata

Immagine di copertina

La paura di perdere il posto di lavoro ha spinto un’impiegata a versare per un anno ansiolitici nel cappuccino della collega con l’intento di prenderle il posto, dopo che l’agenzia di assicurazioni per la quale lavorano ha annunciato tagli. L’episodio, come racconta La Stampa, è avvenuto a Bra, in provincia di Cuneo. La donna è stata condannata dal tribunale di Asti a quattro anni di carcere per lesioni personali aggravate con rito abbreviato.

Il tutto è iniziato nel 2017. L’impiegata, condannata in primo grado, era incaricata di andare a ritirare le ordinazioni al bar per tutto l’ufficio durante la mattinata. Così ha sfruttato la pausa caffè per allungare il cappuccino della collega con le benzodiazepine, ansiolitici in quantità elevata,  in modo da provocarle sonnolenza, riflessi rallentati e altri malesseri. Un vero e proprio avvelenamento da ansiolitici che è andato avanti a fasi alterne fino a giugno 2018, quando i carabinieri hanno smascherato la donna.

La vittima inizialmente non ha sospettato nulla, e anzi ha iniziato a trascorrere lunghi periodi a casa, sottoponendosi a molte visite per capire quale fosse il problema. Pur non riuscendo a trovare l’origine del suo malessere, notava che stava meglio quando era a casa, e peggio quando invece trascorreva le mattinate in ufficio. Dopo un po’ di tempo aveva cominciato a sospettare che c’era qualcosa che non andava nel cappuccino, tanto da decidere di sospendere per un periodo questa quotidiana abitudine.

I carabinieri hanno seguito la sospettata al bar, notando che prima di rientrare in ufficio la donna aggiungeva qualcosa in una delle tazzine. La dipendente, in alcune occasioni, è anche stata filmata. La prova principale è stata un campione di cappuccino che la vittima aveva fatto analizzare sospettando che a causarle i fastidiosi sintomi potesse essere proprio la bevanda. Dall’esame si è visto che il cappuccino conteneva quantità elevatissime di benzodiazepine.

Leggi anche: Aereo, piscina e discoteca: così un positivo al Covid proveniente dalla Repubblica Dominicana ha contagiato 126 persone nel Vercellese

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il lockdown lo ha cambiato”: le ombre sulla morte di Riccardo Faggin prima della sua (finta) laurea
Cronaca / Trento, lei vuole lasciarlo e lui tenta di strangolarla: arrestato un 40enne
Cronaca / Covid, la Corte costituzionale salva l’obbligo vaccinale: ricorsi inammissibili e non fondati
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il lockdown lo ha cambiato”: le ombre sulla morte di Riccardo Faggin prima della sua (finta) laurea
Cronaca / Trento, lei vuole lasciarlo e lui tenta di strangolarla: arrestato un 40enne
Cronaca / Covid, la Corte costituzionale salva l’obbligo vaccinale: ricorsi inammissibili e non fondati
Cronaca / Costringono la sorella 15enne a prostituirsi per sfamare la famiglia in Romania: condannate
Cronaca / Allegri, l’ex compagna Claudia assolta: “Non spese per sé i soldi destinati al figlio”
Cronaca / “Addio piccola principessa”: è morta Caterina, la bimba nata dopo l’arresto cardiaco della mamma
Cronaca / Femminicidio nel catanese: bracciante 40enne uccisa a fucilate
Cronaca / Sciopero mezzi Milano oggi, 2 dicembre 2022: orari Atm e treni
Cronaca / Sciopero mezzi Roma oggi, 2 dicembre 2022: orari Atac, Cotral e treni
Cronaca / Sciopero trasporti oggi, 2 dicembre 2022: a rischio metro, bus e treni. Gli orari