Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Testimone di Geova rifiuta trasfusione e muore dissanguata in ospedale. Il medico: “L’avrei salvata”

Immagine di copertina

Tragedia a Piedimonte Matesa (Caserta). Una donna testimone di Geova è morta dopo aver rifiutato una trasfusione di sangue in ospedale.

La 70enne era stata colpita da un’emorragia in seguito a una gastrite. Nulla di particolarmente pericoloso, tutto curabile con semplici trasfusioni di sangue. Ma la donna, a causa del suo credo religioso, ha rifiutato le trasfusioni dicendolo chiaramente al primario dell’ospedale.

Il figlio ha assecondato la volontà della madre. Così facendo, però, per la signora non c’è più stato niente da fare. La donna è deceduta tra la rabbia e lo sconcerto dei medici dell’ospedale.

Gianfausto Iarrobino, primario dell’ospedale, si è sfogato in un post su Facebook raccontando quanto accaduto.

“Oggi sono triste e contemporaneamente incazzato nero – ha scritto nel suo post – Una paziente è venuta meno nel mio reparto perché ha rifiutato una trasfusione di sangue. Era testimone di Geova. L’avrei salvata al 100% ma ha rifiutato ed è morta. I figli ed i parenti solidali con lei. Ho fatto di tutto. Mi sono scontrato con tutti i familiari ma…nulla. Alla fine i figli si sono esaltati dicendo: ‘mamma sei stata grande, hai dato una lezione a tutti i medici ed a tutto il reparto’. Mi chiedo: 1) come può una religione ancora oggi permettere un suicidio 2) come è possibile che io deputato per giuramento a salvare le vite umane, sia stato costretto a presenziare e garantire un suicidio assistito?”.

Un racconto drammatico, quello del primario, in particolare quando riferisce delle reazioni dei parenti della donna. Un racconto dal quale emerge, tra le altre cose, la crescente svalutazione del sapere medico e scientifico da parte di alcune confessioni religiose (ma non solo).

Appena quattro giorni fa, a Legnano, dei genitori  testimoni di Geova avevano rifiutato la trasfusione di sangue per la figlia. La bambina, di appena 10 mesi, era stata dai salvata dai medici e dal pm.

Qui tutte le ultime notizie di cronaca
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Cronaca / Da lunedì al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Cronaca / Da lunedì al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”
Cronaca / Covid, oggi 17.030 casi e 74 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Lo spot sul Parmigiano Reggiano fa arrabbiare il web: “Sfruttamento del lavoro”. L’azienda: “Lo cambieremo”
Cronaca / Covid: Bolzano in zona gialla da lunedì, cinque regioni a rischio entro Natale