Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Silvia Romano è tornata a casa: il lungo applauso della folla e il saluto dalla finestra

 

 

 

Silvia Romano è tornata nella sua casa di Milano

Dopo l’arrivo all’aeroporto di Ciampino alle 15 di ieri, domenica 10 maggio, Silvia Romano è tornata a casa, nel quartiere Casoretto di Milano, dove i vicini la aspettano da quando la notizia della sua liberazione in Somalia è stata diffusa il 9 maggio. Una folla di giornalisti e un lungo applauso ha accolto la giovane cooperante, tornata nel luogo dove è nata e cresciuta e che ha lasciato per partire alla volta del Kenya a novembre nel 2018. Cori e canzoni hanno risuonato tra i balconi del distretto nella periferia est di Milano sin dal pomeriggio di sabato, tra gli applausi dei passanti e le riprese dei cronisti. Ad accoglierla oggi anche gli striscioni e i cartelli di benvenuto affissi su tutto l’isolato: “Bentornata Silvia, Bentornata a casa tua, ti abbracciamo forte”, recitano i manifesti.

Alle domande dei giornalisti accalcati intorno alla sua macchina che le hanno chiesto se tornerà in Africa, Silvia Romano non ha risposto. Si è limitata a dire “sto bene“, abbassandosi la mascherina e sorridendo, avvolta dalla stessa tunica verde acqua che indossava ieri all’arrivo. Ha fatto ingresso nel portone della sua palazzina accompagnata dalla madre dopo un viaggio in auto da Roma, e subito dopo si è affacciata alla finestra salutando la folla e ringraziando le tante persone che hanno accolto il suo arrivo.

Credits: Twitter
Credits: Twitter/Paolo Maggioni

Un presidio di forze dell’ordine rimarrà ora a sorvegliare l’abitazione di Silvia Romano. Il ritorno nella casa di Milano era previsto per ieri, domenica 10 maggio, ma dopo l’interrogatorio del sostituto procuratore Sergio Colaiocco e dei carabinieri del Ros, Romano era stanca e ha scelto di trascorrere la notte a Roma insieme alla sua famiglia, alla madre Francesca Fumagalli, al padre Enzo Romano e alla sorella, che la avevano accolta a Ciampino insieme al premier Giuseppe Conte e al ministro degli Esteri Luigi di Maio.

Silvia Romano tornata a casa a Milano: i festeggiamenti dopo la notizia della liberazione – VIDEO

 

Leggi anche:

1. Silvia Romano, il giallo della conversione all’Islam: “Lo dirò subito a mia madre” 2. Bentornata Silvia, oggi più che mai abbiamo bisogno del meglio della tua generazione 3. Il racconto di Silvia Romano: “Mi dissero che non sarei stata uccisa”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 155.697 casi e 389 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Bollette luce e gas, come difendersi dai rincari record
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 155.697 casi e 389 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Bollette luce e gas, come difendersi dai rincari record
Cronaca / Inps, arriva il servizio “Pensami”: aiuterà le persone a conoscere il loro futuro pensionistico
Cronaca / Quirinale, una dodicenne si fa portare a Roma per l’elezione: “Da grande farò politica”
Cronaca / Green pass, durata illimitata per i guariti e chi è vaccinato con la terza dose
Cronaca / Quirinale, Casini, Draghi e Belloni in pole. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo