Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Napoli, sullo scontrino 50 centesimi per dividere in due una sfogliatella: nasce una polemica

Immagine di copertina

Napoli, sullo scontrino 50 centesimi per dividere una sfogliatella: polemica

Il cliente di un bar di Napoli chiede di dividere in due una sfogliatella, sullo scontrino scopre un sovrapprezzo di 50 centesimi solo per il taglio del tipico dolce partenopeo. È l’episodio che nelle ultime ore ha fatto il giro della rete dopo la denuncia di un’associazione dei consumatori e la risposta del gestore del locale che ha emesso la ricevuta. La consumazione risale a venerdì scorso, 12 giugno, quando in un bar di Ponticelli, quartiere della periferia napoletana, un cliente ordina due caffè e una sfogliatella frolla divisa in due parti. Il conto è di 5,60 euro. Nulla di strano, se non fosse per la nota stonata dei 50 centesimi chiesti per il taglio del dolce. “Diviso due 0,50” la scritta sullo scontrino emesso alle ore 18.52.

La polemica tra consumatori ed esercente

A denunciare il costo di mezzo euro è stato il giorno seguente, 13 giugno, il presidente di Federconsumatori Rosario Stornaiuolo. “Incredibile e ridicolo – ha commentato in un post sulla sua pagina Facebook -. Un bar a Ponticelli aggiunge 50 centesimi allo scontrino perché taglia in 2 la sfogliatella. Fermiamo queste pazzie . Non è una questione di 50 centesimi ma di etica nel commercio”.

“Devo premettere che abbiamo mangiato un’ottima sfogliatella napoletana”, ha spiegato il cliente a Fanpage. “Ma sono rimasto sbalordito quando ho letto la maggiorazione di 50 centesimi per la divisione del dolce sullo scontrino. Non è tanto una questione di prezzo, perché li avremmo lasciati probabilmente di mancia, ma non possiamo essere noi clienti a dover pagare la crisi del Coronavirus”.

Una replica non si è fatta attendere. Carmine Spagnuolo, titolare dell’esercizio commerciale, nei commenti su Facebook ha scritto: “Noi offriamo un servizio e non si tratta solo di dividere la sfogliatella ma di servire il dolce in 2 piattini e con 2 posate al tavolo. Non è un aumento Covid”. Poi, in diretta telefonica con il cliente, tramite RadioMarte, ha annunciato: “Ci siamo inventati il dolce ‘sfogliatella-divisa-in-due’, dal prossimo weekend”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 179.106 casi e 373 morti: tasso di positività al 16%
Cronaca / Leonardo ci riprova: far passare le armi come icona dello sviluppo sostenibile
Cronaca / Covid, Lancet punta il dito contro gli errori dell’Italia a Bergamo: “I lombardi hanno affrontato l’orrore”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 179.106 casi e 373 morti: tasso di positività al 16%
Cronaca / Leonardo ci riprova: far passare le armi come icona dello sviluppo sostenibile
Cronaca / Covid, Lancet punta il dito contro gli errori dell’Italia a Bergamo: “I lombardi hanno affrontato l’orrore”
Cronaca / Cassazione, su 295 vittime di omicidi volontari, 118 sono donne. “Sconcertante”
Cronaca / Covid, Ricciardi avverte: “Nuova ondata a ottobre, serviranno scelte impopolari”
Cronaca / Bollette, il governo valuta nuove misure per contrastare i rincari record: oggi cabina di regia e consiglio dei ministri
Cronaca / Covid, rallenta la crescita dell’Rt: da 1,54 passa a 1,31
Cronaca / “Negli ospedali solo con il super Green pass”: fa discutere la circolare della regione Puglia
Cronaca / Lettera di minacce al ministro Orlando. Indagini su sostanza all’interno della busta
Cronaca / Green pass, esentati alimentari e farmacie: Draghi firma il nuovo Dpcm