Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, ristoratori bloccano l’autostrada A1 contro le restrizioni del Governo | VIDEO

L’Autostrada A1, all’altezza degli svincoli di Capua e Caianello, nella provincia di Caserta è in tilt: alcuni ristoratori hanno infatti bloccato il traffico automobilistico oggi, mercoledì 13 gennaio.

Clacson, urla e imprecazioni, il gruppo di manifestanti protesta contro le norme anti-Covid imposte dal Governo per cercare di arginare i contagi, che impongono restrizioni soprattutto alla categoria dei ristoratori. “Vogliamo solo lavorare”, dicono i proprietari di bar e trattorie.

La crisi del settore

Al momento, la Campania è in zona gialla come la maggior parte dell’Italia tranne cinque Regioni (Lombardia, Calabria, Sicilia, Veneto ed Emilia Romagna) dove le restrizioni sono ancora più severe, e bar e ristoranti possono effettuare servizio al tavolo fino alle ore 18. Poi devono forzatamente chiudere, ed è possibile effettuare servizio di asporto fino alle 22, mentre il delivery non ha limiti di orario. Nel weekend, poi, scatta la zona arancione: bar e ristoranti devono restare chiusi ed effettuare solo asporto e delivery.

Il 16 gennaio prossimo, poi, dovrebbe entrare in vigore il nuovo Dpcm del Governo, che impone misure ancora più restrittive per arginare la diffusione del Coronavirus. Tra le misure confermate, il coprifuoco dalle 22 alle 5 e il divieto di spostamento tra le varie Regioni italiane, se non per comprovate esigenze. Inoltre, per i ristoratori, si prospetta il divieto di asporto a partire dalle 18 e non più dalle 22.

La protesta “Io apro”

Proprio per contrastare la crisi economica che queste norme contro la pandemia hanno portato, i ristoratori hanno organizzato l’iniziativa #ioapro che invita a restare aperti – a partire da venerdì 15 gennaio – contro il Dpcm. L’idea già raccolto oltre 50 mila adesioni da tutta Italia (qui i dettagli).

Tra Milano, Modena, Pesaro e Reggio Emilia, le città con maggiori adesioni finora registrate, si parla di circa quattrocento locali pronti a restare aprirti.

“Non è mai stata presentata un’indagine epidemiologica che accerti i contagi nei locali, a differenza di quanto può accadere sui mezzi pubblici o nei supermercati – sostengono i ristoratori che hanno aderito – Vogliamo poter lavorare, ma saremo i primi a puntare il dito contro chi non rispetta le norme di sicurezza”.

Leggi anche: 1. Tutti i numeri dei vaccini in Europa: ecco perché alcuni Paesi sono più efficienti di altri / 2. Dpcm 16 gennaio, anticipazioni: no spostamenti tra regioni gialle ma musei aperti. Stop asporto da bar dopo le 18

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Treviso, uccisa a coltellate mentre prendeva il sole: l’assassino si è costituito
Cronaca / Covid, oggi 951 nuovi casi e 30 morti: il bollettino del 23 giugno
Cronaca / Ddl Zan, il testo della nota ufficiale inviata dal Vaticano all’ambasciata italiana
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Treviso, uccisa a coltellate mentre prendeva il sole: l’assassino si è costituito
Cronaca / Covid, oggi 951 nuovi casi e 30 morti: il bollettino del 23 giugno
Cronaca / Ddl Zan, il testo della nota ufficiale inviata dal Vaticano all’ambasciata italiana
Cronaca / Barbara D'Urso: "Ho paura, lo stalker è stato visto sotto casa mia"
Cronaca / Alessandra Mussolini a favore di adozioni gay e del ddl Zan: “Io e Luxuria ormai siamo amiche”
Cronaca / Consiglio di Stato annulla sentenza Tar e ordinanza sindaco: la produzione prosegue
Cronaca / I sandali, l’allarme dopo 9 ore e le tracce di sangue: cosa non torna nel ritrovamento di Nicola Tanturli
Cronaca / Perché c’è Spiderman alla messa del Papa
Cronaca / La madre di Nicola racconta la scelta di vita nei boschi: “Non volevo sfruttare né essere sfruttata”
Cronaca / “Appena ci ha visto si è messo a piangere”: le parole del giornalista che ha ritrovato Nicola