Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Villafrati (Palermo), la processione si ferma davanti alla casa di un boss detenuto

Immagine di copertina

Villafrati | Palermo | Processione ferma davanti casa del boss

PALERMO PROCESSIONE CASA BOSS – Riti religiosi e grande criminalità organizzata. A Villafrati, comune di circa 3.500 abitanti in provincia di Palermo, domenica scorsa una processione si è fermata davanti all’abitazione di un boss. L’arciprete ha fermato la processione del Corpus Domini davanti alla casa di un capomafia in carcere, uno dei fedelissimi di Bernardo Provenzano, Ciro Badami. Era una sosta non prevista, che è stata decisa da don Guglielmo Bivona, che ha anche scambiato un saluto con la moglie del malavitoso detenuto.

Villafrati | Palermo | Processione ferma davanti alla casa del boss detenuto

Il maresciallo e il sindaco si sono subito allontanati dalla processione. L’episodi, ricostruito dal sito di Repubblica, è stato segnalato alla Procura, al prefetto, e all’arcivescovo di Palermo.

“Se quel sacerdote fosse stato un mio assessore lo avrei già cacciato”, ha commentato Francesco Agnello, primo cittadino di Villafrati alla guida una giunta di centrosinistra. “Io non so se il sacerdote sapesse o meno che quella è l’abitazione di un mafioso condannato: c’era la porta aperta, accanto era stato sistemato un piccolo altare. Ma non ci possono essere equivoci davanti a certe situazioni. E Villafrati ha fatto ormai da anni delle scelte chiare, che non cambieranno di certo per i comportamenti di poche persone”.

> Le notizie di cronaca di TPI

Come spiega Salvo Palazzolo su Repubblica, Ciro Badami era stato arrestato nel 2005, con il cugino Pasquale e il fratello Salvatore: i tre facevano parte della rete di comunicazione dell’allora latitante Provenzano. Dieci anni dopo, poi, un altro arresto: Badami era diventato punto di riferimento per gli affari dell’organizzazione Cosa nostra sul suo territorio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Falcone star di TikTok”: i video sul magistrato antimafia ricevono oltre 140mila visualizzazioni sul social dei 20enni
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Covid, 30.310 casi e 108 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 12,2%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Falcone star di TikTok”: i video sul magistrato antimafia ricevono oltre 140mila visualizzazioni sul social dei 20enni
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Covid, 30.310 casi e 108 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 12,2%
Cronaca / Bambino morto all’asilo, la proprietaria dell’auto: “Sono sicura di aver inserito la marcia, il freno a mano non ricordo”
Cronaca / Identificato allo Spallanzani di Roma il primo caso in Italia di vaiolo delle scimmie
Cronaca / I buchi nelle indagini sulla strage di Capaci: quelle tracce mai seguite
Cronaca / Rimorchiatore affonda al largo di Bari, 5 morti: “Capitano trovato vivo su una zattera”
Cronaca / Il pm Tescaroli a TPI: “Sulla strage di Capaci presunti interessi esterni a Cosa nostra”
Cronaca / Falcone e quelle indagini naufragate su Mattarella e Gladio
Cronaca / ESCLUSIVO TPI: Falcone spiato da apparati dello Stato durante l’interrogatorio (finora ignoto) a Licio Gelli