Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Arriva il sì al Ponte sullo Stretto ma non si farà con i soldi del Recovery

Immagine di copertina
Modello del Ponte sullo Stretto Credits: Twitter

Arriva il via libera al Ponte sullo Stretto di Messina, ma fuori tempo massimo per essere finanziato con i fondi del Recovery. La commissione di tecnici istituita dall’ex ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli e confermata dal successore Enrico Giovannini, fa tornare centrale il tema della grande opera più discussa di sempre.

Nella relazione approvata venerdì 30 aprile dal gruppo di lavoro coordinato dal direttore dell’unità di missione del ministero Giuseppe Catalano, c’è il sostanziale ok a un collegamento stabile, con l’indicazione favorevole su due progetti e un terzo “di riserva”. Dopo ben otto mesi la commissione ha prodotto un complesso report – 200 pagine, 50 grafici e 50 tabelle – che è ora sul tavolo del ministro Giovannini, pronto a farla valutare al premier Mario Draghi.

Resta però da sciogliere la questione dei finanziamenti. L’opera non è stata inserita nel Recovery plan, anche per una questione di tempi. Come ha spiegato il ministro Giovannini, “Per le regole del Pnrr entro il 2026 i lotti devono essere in esercizio, fruibili. Quella data non è negoziabile”. Ci sono alcune strade: il project financing, la concessione a privati che assorbirebbero i costi con l’introito dei pedaggi. Il primo progetto, – prosegue Repubblica – con uno stato di elaborazione più avanzato, è quello a unica mandata già portato avanti dalla società Stretto di Messina, in liquidazione dal 2013, che aveva individuato come general contractor il consorzio Eurolink capeggiato da Impregilo (oggi Webuild).

Un progetto attorno al quale, dopo lo stop all’opera voluto dall’ex premier Monti, si è aperto un contenzioso da 700 milioni. La novità attuale è che i tecnici danno il lasciapassare anche per un progetto alternativo: un ponte a tre mandate lungo 3,2 chilometri.

Leggi anche: Salvini: “Ponte sullo Stretto? Potrebbe essere intitolato a Draghi”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce
Ti potrebbe interessare
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti