Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Vietato criticare la corsa al riarmo: il Tg1 censura persino il Papa

Immagine di copertina

L’inedito duetto fra Vasco Rossi e Marracash sì, ma il Papa che si scaglia contro i parlamenti europei per la corsa al riarmo no. Nell’edizione serale del Tg1 di giovedì 24 marzo le durissime parole di Bergoglio contro gli Stati decisi ad aumentare le spese militari («Quando l’ho letto mi sono vergognato, sono dei pazzi») non hanno trovato alcuno spazio. Nulla, zero, notizia non pervenuta in nessuna delle edizioni di quel giorno del telegiornale. E dire che il Tg1 – servizio pubblico – è sempre molto attento invece a riferirci i messaggi del Pontefice in occasione degli Angelus domenicali. Senza dilungarsi, poi, sul fatto che il 25 marzo, al pomeriggio, lo stesso tg diretto da Monica Maggioni abbia trasmesso in diretta dalla Basilica di San Piero la cerimonia del Papa per «consacrare la Russia e l’Ucraina al Cuore immacolato di Maria».

Difficile dunque che in redazione abbiano improvvisamente sottovalutato il peso delle parole del Santo Padre, per di più in una fase in cui l’aumento delle spese militari genera tensioni anche nella politica italiana. Più facile pensare a una precisa scelta, magari legata al non voler turbare la marcia del Governo, obbediente ai diktat sulle armi di Washington. La cosa ha destato sospetti anche in Michele Anzaldi, deputato di Italia Viva, partito pur notoriamente favorevole a far salire le spese militari fino al 2% del Pil. «Il Tg1 ha censurato Papa Francesco», ha protestato il parlamentare, segretario della Commissione di Vigilanza sulla Rai. «Un caso senza precedenti, mai il tg di Rai1 aveva negato spazio al Santo Padre, per quanto le sue accuse possano apparire scomode». Ma il Tg1 non è stato solo, in questa opera censoria: la reprimenda di Bergoglio non ha trovato spazio nemmeno, il mattino seguente, sulle prime pagine dei principali quotidiani. Corriere della Sera e Repubblica, addirittura, nemmeno hanno dedicato alla notizia un articolo completo, relegandola in piccoli box interni molto avanti nella foliazione del giornale. Insomma, per dirla con una battuta, non c’è davvero più religione.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Castellammare, spari tra la folla della movida: ferita una ragazza di 23 anni
Cronaca / Covid, oggi 19.666 casi e 105 morti: il bollettino del 27 maggio 2022
Cronaca / Al ristorante senza pagare: “Siamo Casamonica”. Tre esponenti arrestati per estorsione
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Castellammare, spari tra la folla della movida: ferita una ragazza di 23 anni
Cronaca / Covid, oggi 19.666 casi e 105 morti: il bollettino del 27 maggio 2022
Cronaca / Al ristorante senza pagare: “Siamo Casamonica”. Tre esponenti arrestati per estorsione
Cronaca / Lavoro h24: “Che il diritto salariale delle casalinghe sia fissato per legge”
Cronaca / Neonata ricoverata per emorragia cerebrale: risultata positiva alla cocaina
Cronaca / Vaiolo delle scimmie: ecco tutto quello che c’è da sapere
Cronaca / Rogo a Stromboli, Ambra Angiolini: “Sono qui a dare una mano, non è stata una notte facile”
Cronaca / Violante Guidotti Bentivoglio e la leucemia: “Salva grazie al midollo di un ragazzo di 19 anni”
Cronaca / Bnl scarica i disabili: così la banca di Telethon si disfa di 200 lavoratori fragili
Cronaca / Caracciolo a TPI: “A Est guardano la storia, noi l’abbiamo dimenticata. Biden? Pensa alle elezioni”