Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

La pagina “Le più belle frasi di Osho” è sparita da Facebook

Immagine di copertina

La pagina “Le più belle frasi di Osho”, ideata dal vignettista Federico Palmaroli, questa mattina non è stata raggiungibile su Facebook. Una notizia che ha lasciato delusi i tanti fan dell’autore romano che ha ormai guadagnato un consistente seguito sul web.  “Sto aspettando notizie su quanto è successo, perché ancora non è molto chiaro, ma escluderei la censura, perché non ho fatto niente che possa essere censurato. Se avessi pubblicato una svastica, l’avrei capito, ma non c’è nulla di censurabile”, ha dichiarato al Corriere Palmaroli. Dopo circa tre ore, è arrivata la risposta e il ripristino della pagina.

Ma cosa è accaduto. In una nota ufficiale Facebook spiega: “Abbiamo rimosso questa Pagina dopo aver ricevuto una segnalazione di violazione della proprietà intellettuale. La Pagina è stata rimossa per errore ed è stata ripristinata”.

A Facebook è arrivata una segnalazione di violazione di proprietà intellettuale per il nome “Osho” utilizzato da Palmaroli appunto per richiamare – in modo ironico – il maestro spirituale indiano, fondatore di una filosofia con seguito internazionale. Ma il caso ha fatto rumore. Davvero basta così poco per applicare quella che molti hanno definito censura sul social? Anche qui è intervenuto Palmaroli per calmare gli animi, ancor prima di ricevere la risposta da Facebook: “Capisco che tutti, dopo i fatti americani, pensino ad una censura, è normale pensare a quello. In realtà è successo a tante persone, e sapendo la mia collocazione ideologica non è proprio quella che piace ai più, viene spontaneo pensarlo, ma io lo escludo”.

La notizia, infatti, faceva il pari con le altre disposizioni che i due colossi del web hanno imposto in questi giorni. Twitter  ha sospeso “definitivamente” l’account di Donald Trump: il presidente degli Stati Uniti è stato bannato. Anche altre piattaforme — come Facebook, SnapChat e Twitch — hanno sospeso nei giorni scorsi il profilo di Trump a tempo indeterminato.

Leggi anche: Censura? No, il problema è che abbiamo dato troppo potere a Facebook e Twitter

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Cronaca / Positivi al Covid, accompagnano i figli a scuola prima dell’esito del tampone: due classi in quarantena
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"
Cronaca / Rt ancora in calo in Italia, lieve diminuzione di ricoveri e terapie intensive