Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

La pagina “Le più belle frasi di Osho” è sparita da Facebook

Immagine di copertina

La pagina “Le più belle frasi di Osho”, ideata dal vignettista Federico Palmaroli, questa mattina non è stata raggiungibile su Facebook. Una notizia che ha lasciato delusi i tanti fan dell’autore romano che ha ormai guadagnato un consistente seguito sul web.  “Sto aspettando notizie su quanto è successo, perché ancora non è molto chiaro, ma escluderei la censura, perché non ho fatto niente che possa essere censurato. Se avessi pubblicato una svastica, l’avrei capito, ma non c’è nulla di censurabile”, ha dichiarato al Corriere Palmaroli. Dopo circa tre ore, è arrivata la risposta e il ripristino della pagina.

Ma cosa è accaduto. In una nota ufficiale Facebook spiega: “Abbiamo rimosso questa Pagina dopo aver ricevuto una segnalazione di violazione della proprietà intellettuale. La Pagina è stata rimossa per errore ed è stata ripristinata”.

A Facebook è arrivata una segnalazione di violazione di proprietà intellettuale per il nome “Osho” utilizzato da Palmaroli appunto per richiamare – in modo ironico – il maestro spirituale indiano, fondatore di una filosofia con seguito internazionale. Ma il caso ha fatto rumore. Davvero basta così poco per applicare quella che molti hanno definito censura sul social? Anche qui è intervenuto Palmaroli per calmare gli animi, ancor prima di ricevere la risposta da Facebook: “Capisco che tutti, dopo i fatti americani, pensino ad una censura, è normale pensare a quello. In realtà è successo a tante persone, e sapendo la mia collocazione ideologica non è proprio quella che piace ai più, viene spontaneo pensarlo, ma io lo escludo”.

La notizia, infatti, faceva il pari con le altre disposizioni che i due colossi del web hanno imposto in questi giorni. Twitter  ha sospeso “definitivamente” l’account di Donald Trump: il presidente degli Stati Uniti è stato bannato. Anche altre piattaforme — come Facebook, SnapChat e Twitch — hanno sospeso nei giorni scorsi il profilo di Trump a tempo indeterminato.

Leggi anche: Censura? No, il problema è che abbiamo dato troppo potere a Facebook e Twitter

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Cronaca / Gratteri a La7: “Minacce di morte? Ho paura ma cerco di addomesticarla. Se mi fermo, mi sento un vigliacco”
Cronaca / Ilaria Capua: “Mi fermo per un anno. Il Covid ha cambiato le priorità di tutti noi, anche personali”
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
Cronaca / Roma, venditore di rose dà fuoco ai capelli di una ragazza: “Era deluso dalle poche vendite”
Cronaca / La giocatrice di basket difende il suo allenatore: “Non c’è stato nessuno schiaffo, avevo sbagliato un tiro”